function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




I sofisticati apparecchi per molti sono l'unica speranza
Immagini articolo
La terapia intensiva
salva le vite così...
ANDREA BERTAGNI


I pazienti che vengono ricoverati nei reparti di cure intensive di cliniche e ospedali presentano gravi compromissioni degli organi vitali o essenziali per vivere. E per questo devono essere curati e aiutati a respirare, a mantenere un’attività neurologica e a permettere un’adeguata circolazione del sangue. Tutto ciò avviene con la sedazione e l’intubazione. Di norma il ricovero inizia proprio con una prima fase di supporto invasiva, come l’intubazione, che prevede la sedazione. Per poi passare, con il miglioramento dello stato clinico, a una progressiva rianimazione, associata a una sedazione più alleggerita, e favorire così il ritorno e il contatto con la realtà. Centrale nella terapia intensiva è senz’altro il ventilatore meccanico: una macchina che aiuta i polmoni ed i muscoli respiratori in caso di insufficienza respiratoria. Allo scopo possono essere usate maschere facciali o nasali applicate al volto della persona e fissate tramite apposite cinghiette elastiche, ma anche tubi che dalla bocca o dal naso arrivano alla trachea, o ancora tubi che attraverso il collo entrano direttamente nella trachea. Sono comunque molti i macchinari presenti attorno a un letto di terapia intensiva. Alcuni possono emettere suoni, numeri, luci. Tutti sono essenziali. Monitor per rilevare i parametri vitali, come la pressione, il polso o il respiro. Respiratori artificiali. Ventilatori. Pompe per somministrare farmaci e per nutrire. Cateteri vescicali e arteriosi. L’impiego di alcuni strumenti tecnologici è considerato di base, altri variano a seconda della patologia. Se ad esempio a un paziente non funzionano più i reni viene usata una macchina per la dialisi.  
A caratterizzare un reparto di cure intense è anche la presenza di differenti figure professionali sanitarie. Attorno al paziente operano almeno un anestesista, giacché i pazienti sono aiutati a respirare in regime di sedazione completa, infermieri specialistici, medici e alla bisogna anche altri dottori specialisti. Lo staff medico è presente 24 ore su 24. È organizzato a turni, così da garantire la cura e la sorveglianza continua .
an.b.
05.04.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
In crisi i confini irlandesi
con l'addio di Londra all'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'arcipelago delle isole
contese tra Usa e Cina
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ennesimo
fine settimana
di proteste
in Bielorussia

Inchiesta
sullo schianto
dell’aereo militare
in Ucraina

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00