function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




La drammatica situazione dei migranti alle porte degli Usa
Immagini articolo
Le violenze e le rapine
sulla via dei profughi
MARTA VALIER DA MESSICO CITY


È allarmante il recente rapporto dell’organizzazione Human Rights First (Hrf) sulle conseguenze della politica migratoria statunitense che obbliga i richiedenti asilo ad attendere su suolo messicano la risoluzione del proprio caso. Secondo dati governativi pubblicati dalla Syracuse University Transactional Records Access Clearinghouse (Trac), a partire da gennaio del 2019, cioè da quando l’amministrazione di Donald Trump ha implementato i nuovi protocolli Migrant Protection Protocols (Mpp), il governo statunitense ha respinto oltre 59mila richiedenti asilo provenienti per lo più da paesi del Centro America, ma anche dal Venezuela, Cuba, ed Ecuador. "Un successo", secondo quanto dichiarato lo scorso novembre dal segretario del Dipartimento della sicurezza interna, Chad Wolf, ma un disastro secondo le organizzazioni presenti sul territorio.
I richiedenti asilo rimandati in Messico hanno dovuto accamparsi, senza assistenza, nelle città di confine come Calexico, Brownsville e Ciudad Juarez, pericolasamente esposti, giorno e notte, alla violenza della crimininalità organizzata. Ventiseimila di queste persone sono finite a Nuevo Laredo o Matamoros, due città nello stato di Tamaulipas, regione, secondo l’American Civil Liberties Union (Aclu), tra le più pericolose al mondo. Ad altri richiedenti invece è stata fissata l’udienza in un luogo diverso da dove ne hanno fatto richiesta, obbligandoli ad attraversare stati come quello del Sinaloa, territorio controllato dai cartelli della droga.
Secondo i dati raccolti da Hrf, la situazione è disperata con, dall inizio del 2019, almeno 816 casi registrati di violenza sessuale, tortura o rapimento tra quelle persone respinte al confine. Tra questi, 138 casi riguardano sequestro o tentato sequestro di minori. Questa cifra, inoltre, rappresenta solo una frazione degli abusi, poichè i migranti sono sparsi nei vari porti di entrata nel nord del Messico senza nessun contatto con giornalisti o organizzazioni umanitarie.
In questa situazione di isolamento risulta ancora più difficile mettersi in contatto con un avvocato. "Il 98 per cento dei richiedenti asilo non ha assistenza legale", ha detto un ricercatore presso HRF, Kennji Kizuka, commentando come nell’ultimo anno, solo solo l’1 per cento dei richiedenti asilo abbia ottenuto risposta positiva. A settembre sono state costruite due tente, a Laredo e Brownsville, che funzionano come corti virtuali, con giudici in collegamento sugli schermi, che macinano dai 400 ai 700 casi al giorno. "Temiamo che questi procedimenti si svolgano in segreto".
Solo a metà dello scorso gennaio una commissione governativa ha aperto un’indagine sulla legalità di questi protocolli. Tra il personale statunitense incaricato di condurre i colloqui coi migranti per stabilire se, stando in Messico, ci sia rischio di persecuzione, c’è inoltre chi ha denunciato una situazione in cui è praticamente impossibile offire rifugio. "Ci sono casi di disabili, donne incinta e persone già rapite una volta che vengono rimandate in Messico comunque", ha detto Kizuka. E ha aggiunto: "Ogni giorno ci sono gruppi di migranti che tornano in Messico, hanno le scarpe senza lacci e un sacchetto di plastica in mano. Passano sempre alla stessa ora, sulla stessa strada", ha detto Kizuka. "Lo sanno anche i trafficanti, che li aspettano e li rapiscono per poi chiedere un riscatto alle famiglie".
16.02.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
In crisi i confini irlandesi
con l'addio di Londra all'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'arcipelago delle isole
contese tra Usa e Cina
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ennesimo
fine settimana
di proteste
in Bielorussia

Inchiesta
sullo schianto
dell’aereo militare
in Ucraina

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00