function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il tossicologo sul caso dell'ex infermiere di Mendrisio
"Qualche goccia in più...
non cambiano il destino"
PATRIZIA GUENZI


“Tutti i farmaci sono degli agenti terapeutici e degli agenti tossici. È una questione di equilibrio, che spetta solo al medico curante trovare”. È la premessa del professor Jules Desmeules, farmacologo e tossicologo clinico agli ospedali universitari di Ginevra (Hug). E aggiunge: “L’uso buono, accorto della morfina è fondamentale per certe patologie. E adattarne la posologia fa parte del percorso di cura, non significa accelerare la morte. Qualche goccia in più, o in meno, ad esempio, se subentrano delle intolleranze o se il corpo si è adattato e il medicinale non fa più l’effetto voluto. Tutto ciò rientra nel normale iter di una terapia”.
Tuttavia, stabilire con assoluta certezza scientifica se una minima alterazione possa davvero accelerare (e di quanto poi) la morte di una persona “è estremamente difficile, se non impossibile - sottolinea -. Un conto è modificare completamente il dosaggio, un conto sono poche gocce, non stravolgono il decorso”. E il professor Desmeules precisa: “Ricordiamo che nel paziente oncologico terminale l’uso accorto di tutte le opzioni terapeutiche a disposizione del medico sono mirate a un accompagnamento il più sereno possibile”.
Un accompagnamento che va monitorato costantemente. “Soprattutto se il paziente ha un’insufficienza respiratoria o un problema cerebrale”. E l’esperto prosegue: “Gli effetti avversi di questi farmaci, di efficacia dimostrata, questo voglio sottolinearlo, sono contenuti. La dipendenza da oppioidi è poco frequente e la tolleranza è lenta a verificarsi”. E, con la progressione della malattia, il medico ha la necessità di incrementare la dose. “In questi casi possono subentrare degli effetti collaterali, ma siamo preparati. Nausea, vomito, sedazione, stipsi che però tendono a diminuire col tempo”.
p.g.
17.11.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
In crisi i confini irlandesi
con l'addio di Londra all'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'arcipelago delle isole
contese tra Usa e Cina
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ennesimo
fine settimana
di proteste
in Bielorussia

Inchiesta
sullo schianto
dell’aereo militare
in Ucraina

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00