function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

L'esperto spiega quando e come utilizzare il farmaco
'Nella mentalità latina
si venera l'antibiotico'
ANDREA STERN


Per la polmonite sì, per la bronchite solitamente no, per l’influenza, il raffreddore o la sinusite nemmeno. "La maggior parte degli antibiotici viene prescritta per le infezioni delle vie aeree - spiega il dottor Christian Garzoni, specialista in malattie infettive -. Infezioni frequenti, che danno molto fastidio. Per il medico di famiglia non è  però sempre facile capire se siano causate da un virus o da un batterio". Questo dubbio, unito a un certo aspetto culturale che accomuna il Ticino al Sud dell’Europa, fa sì che un antibiotico su due venga consumato senza che ve ne sia una reale necessità.
"Avere la tosse per tre settimane può essere normale - dice Garzoni - ma capitano pazienti che dopo pochi giorni pretendono già l’antibiotico. Nell’Europa del Nord o anche solo in Svizzera tedesca si tende a stare il più lontano possibile dagli antibiotici ma nella mentalità latina si pensa siano la panacea di tutti i mali. Per combattere certe malattie sono completamente inutili, se non addirittura dannosi".
Non per niente l’Organizzazione mondiale della salute considera la lotta all’antibiotico-resistenza tra le priorità assolute. A livello mondiale i risultati sono ancora decisamente scarsi. Ma in Ticino, seppur scontentando qualche paziente che reclamava la sua dose di medicinale miracoloso, i medici sono riusciti negli ultimi anni a far leggermente diminuire il consumo di questi farmaci. "Si può e si deve migliorare ancora - sostiene Garzoni -. È fondamentale limitare allo stretto necessario l’utilizzo di antibiotici onde evitare il ritorno di malattie che oggi sembrano debellate".
Uno scenario per nulla fantascientifico. "Già oggi abbiamo a che fare con batteri molto più resistenti rispetto a una decina di anni fa - osserva lo specialista -. E se in Svizzera i decessi causati da infezioni resistenti agli antibiotici sono ancora pochi, in certi Paesi la situazione è già parecchio grave. Un accurato studio inglese sostiene che nel 2050 i batteri resistenti agli antibiotici causeranno più morti dei tumori".
29.09.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00