Ancora tensioni nella ex colonia inglese nel week end
Immagini articolo
Hong Kong come Parigi
la guerriglia senza fine
R. C.


Gli agenti sono arrivati in tenuta antisommossa, come hanno fatto in questi ultimi tre mesi di assedio. E sabato 7 settembre si sono schierati attorno all’aeroporto internazionale. La situazione a Hong Kong resta ancora "rovente", nonostante il ritiro formale della contestata legge sulle estradizioni in Cina, annunciato mercoledì scorso dalla governatrice Carrie Lam insieme ad altre iniziative per tentare di riavviare il dialogo. Una mossa politica che tuttavia è stata bocciata dal movimento dei manifestanti perché - come ha spiegato anche Joshua Wong, già leader del "movimento degli ombrelli" del 2014 - è stata ritenuta "tardiva e insufficiente".
E così Hong Kong sembra seguire lo stesso destino di Parigi. Da una parte i "gilet gialli", dall’altra i rivoltosi che ritengono minacciata l’autonomia speciale dell’ex colonia britannica. E ancora una volta, come in Francia, le manifestazioni si concentrano nel fine settimana. In particolare all’aeroporto, dove la polizia ha creato posti di blocco, mentre i servizi di trasporto sono stati rimodulati: la linea ferroviaria è operativa solo tra la stazione e l’aerostazione, saltando tutte le fermate intermedie. Gli autobus, inoltre, sono stati sottoposti a ispezioni e controlli accurati prima dell’arrivo al capolinea, mentre l’ingresso nell’aeroporto è aperto solo a chi presenta un documento di volo.
L’obiettivo dei manifestanti è di bloccare gli accessi all’aerostazione, nonché la linea ferroviaria e l’autostrada, causando disservizi di diverse ore. In uno spazio pubblicitario acquistato sul South China Morning Post, il popolare quotidiano locale in lingua inglese, l’Airport Authority ha sollecitato a "non fermare il viaggio di decine di migliaia di viaggiatori che usano l’aeroporto ogni giorno". Ma i cortei si sono estesi anche in altre parti della città, tra le stazioni della metropolitana e della polizia, e i parchi e le aree accanto ai palazzi governativi.
A far salire la tensione anche diverse voci che si sono rincorse negli ultimi giorni, come quella di un manifestante morto. Tanto che il governo di Hong Kong ha dovuto diffondere una nota per smentire l’esistenza di vittime nelle proteste e negli scontri in corso nell’ex colonia da quasi tre mesi, in particolare nelle manifestazioni del 31 agosto alla stazione della metropolitana Prince Edward. Le voci su una vittima si sono moltiplicate negli ultimi giorni sul web sulla scia della durezza della risposta delle forze dell’ordine. Il governo, oltre a citare la polizia, ha citato pure il rapporto dell’Hospital Authority secondo cui non c’è traccia di vittime legate ai fatti di Prince Edward. "Qualsiasi rumor online che dice cose contrarie va considerato non solo falso, ma anche calunnioso", ha commentato un portavoce dell’esecutivo ripreso dalle agenzie di stampa.
Manifestanti e polizia si erano scontrati qualche giorno fa e gli agenti avevano usato i gas lacrimogeni su Nathan Road per disperdere la folla che si era raccolta per chiedere al personale della stazione di Prince Edward di rilasciare i video del 31 agosto. Nei filmati delle telecamere di sorveglianza c’era la registrazione delle immagini con le unità d’elite che  attaccavano i dimostranti.
08.09.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00