Esperti di comunicazione svizzeri sulla campagna Udc
Immagini articolo
"I manifesti coi vermi
hanno fatto cilecca"
ANDREA STERN


"La mia impressione è che a furia di tirare la corda, questa volta si sia spezzata". Franz Saladin, titolare di un’agenzia di comunicazione ed ex direttore della Camera di commercio basilese, non usa tanti giri di parole. A suo modo di vedere l’ultima campagna dell’Unione democratica di centro (Udc) ha fatto cilecca. In termini di possibili voti, non di comunicazione. Perché nei fatti tutti ne parlano. E vanno a ruota del partito democentrista. Anche se "negli ultimi anni l’Udc ha provocato ogni volta un po’ di più - sostiene Saladin -. Ora però è andata troppo lontano". E aggiunge: "Non è con queste campagne choc che riusciranno a conquistare gli elettori moderati - precisa -. I loro elettori li voteranno comunque, indipendentemente dal tipo di manifesti".
Intanto, tutti ne parlano. Tutti commentano. A beneficio del partito di Blocher. Che ha lanciato la propria campagna elettorale in vista delle elezioni di ottobre. E delle votazioni popolari sull’Europa. "Di sicuro ne beneficiano a livello di attenzione, perché i media ne discutono - dice Saladin -. Ma non penso che ne beneficeranno in termini di voti". Di sicuro, secondo l’esperto, è stato superato il limite. Anche perché raffigurare gli avversari politici come dei vermi...
"A livello di comunicazione è una campagna che funziona - sostiene dal canto suo Philippe Crausaz, fondatore e presidente dell’omonima agenzia del gruppo furrerhugi -, perché attira l’attenzione, in primo luogo dei media. Però bisogna anche avere un messaggio da comunicare. E qui il messaggio mi sembra molto difficile da capire, l’interpretazione non è per nulla immediata".
I vermi, cioè i partiti "avversari" all’Udc, dovrebbero, secondo gli ideatori della campagna, morsicare i valori svizzeri, minacciare la sovranità della Confederazione. Il richiamo è forse anche alla mela centrata con una balestra da Guglielmo Tell, il mito svizzero che, secondo la leggenda, si sarebbe ribellato al dominio degli austro-ungarici, colpendo il frutto posto sul capo del proprio figlio. "Non mi sono mai piaciute le campagne dell’Udc - dice Crausaz -, ma questa si spinge decisamente troppo oltre. Vedo che le reazioni sono ancora più negative del solito. Perché per molta gente va bene se si attacca un capro espiatorio, come possono essere gli stranieri, ma va molto meno bene se si attaccano i partiti e quindi le istituzioni svizzere".
Un nemico da inviduare. Sempre e comunque. Sembra essere questa la strategia comunicativa democentrista. Stranieri, frontalieri: l’importante è trovare qualcuno con cui prendersela. Questa volta, secondo Crausaz, la campagna ha fatto però un buco nell’acqua. "Se uno guarda il manifesto non vede una Svizzera attaccata dai partiti. Vede solo una mela mangiata dai vermi - sottolinea l’esperto -. Inoltre, detto molto francamene, il paragone è davvero mal riuscito. Perché senza vermi non ci sarebbe l’agricoltura e quindi non ci sarebbe neanche la Svizzera".
an.b./a.s.
25.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00