Il caso di inquinamento da limo del fiume Melezza
Immagini articolo
E il Cantone accusa
l'azienda dei Pinoja
ANDREA STERN


Anche il Cantone si è costituito accusatore privato nell’ambito della procedura penale avviata contro la Silo & Beton Melezza Sa per i versamenti di limo nell’alveo del fiume Melezza. Un’azione compiuta in quanto proprietario del sedime sul quale era stato depositato il materiale. Parimenti, il Cantone ha fatturato tutti gli interventi dei funzionari legati a questo caso alla medesima ditta, tra i cui proprietari figurano il deputato udc Daniele Pinoja e l’ex deputato nonché ex presidente udc Gabriele Pinoja.
Ad annunciarlo è il Consiglio di Stato nella risposta a un’interrogazione presentata lo scorso 2 giugno dai deputati ps Fabrizio Sirica e Laura Riget. Il caso era emerso poco prima grazie a un video realizzato da due giornalisti de "L’inchiesta" che mostrava dei versamenti nell’acqua di limo, uno scarto edile da scavi o lavorazioni. Limo che è naturalmente presente anche in natura ma che in questo caso sembrava provenire da un impianto della precitata ditta, a Camedo, sulle rive del fiume Melezza.
Il Consiglio di Stato sostiene che gli uffici competenti erano al corrente della situazione già prima che i giornalisti de "L’inchiesta" pubblicassero il video su Youtube. In precedenza un funzionario era infatti intervenuto a seguito della segnalazione di un intorpidimento del lago di Palagnedra, aveva appurato la non conformità del deposito di limo e lo aveva segnalato al servizio competente. Il Cantone aveva quindi ordinato la rimozione del materiale e la chiusura del deposito. Il limo fu infine depositato dalla Silo & Beton Melezza Sa nella discarica di Gnosca.
Dalle doppie verifiche, effettuate dai servizi cantonali e da un laboratorio indipendente di Schlieren, è poi emerso che il limo era "leggermente inquinato", secondo quanto scrive il Consiglio di Stato senza fornire particolari dettagli. Altri rilevamenti sul luogo del deposito a Camedo, fino a una profondità di due metri, hanno dal canto loro permesso di appurare l’assenza di materiale limoso sotto la superficie. I versamenti di limo in quella zona non erano quindi una prassi consolidata bensì un caso isolato. Una "leggerezza", come l’ha definita il direttore della ditta Luca Motta, che se ne è assunto tutta la responsabilità e che ha contestato l’ipotesi dell’inquinamento.
Il Cantone, dal canto suo, attende ora di conoscere gli esiti dell’inchiesta giudiziaria per valutare eventuali ulteriori passi.
25.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00