I produttori bocciano l'idea di una "borsa" della cannabis
Immagini articolo
"Rischiosi i BitCoin
per pagare la canapa"
CLEMENTE MAZZETTA


La canapa? Si paga anche con le crypromonete. Nel mondo ai più incomprensibile dei BitCoin, la moneta digitale, anche il mercato della "cannabis" ha saputo ritagliarsi un suo spazio. Si sta infatti assistendo ad una vera propria frenesia negli investimenti del settore della crypto-cannabis. Un’idea che Sergio Regazzoni, fra i promotori di "Ticino Cannabis", non snobba. "Può essere utile per le transazioni - dice - ma attenti, non è questione di far la spesa cash o in BitCoin. Questi sono solo un mezzo di pagamento, l’importante è che il prodotto rispetti tutti i canoni". Ovvero sia a norma di legge, con tenore di Thc inferiore all’1%".
I BitCoin al momento non sembrano essere utilizzati in Ticino, dove i produttori scontano invece una certa "resistenza" e complicazioni burocratica, nell’organizzare le loro produzioni. "Abbiamo un numero maggiore di coltivatori di cannabis in Svizzera romanda e in Svizzera tedesca. In Ticino i nostri associati devono affrontare una serie di problemi burocratici non indifferenti per poter avviare le produzioni", spiega Marco Khun, segretario di "IG Canapa Svizzera", associazione che raggruppa una settantina di produttori. Khun, che è stato il promotore di Canatrade, la fiera della canapa svizzera che quest’anno si è tenuta a Zurigo, è a conoscenza della possibilità di pagare il prodotto con i BitCoin, mezzo alternativo alle transazioni bancarie tradizionali. "Non saprei dire però  aggiunge Khun -se le criptomonete sono davvero utilizzati nel pagamento fra i nostri associati. Potrebbero esserlo in futuro".
Attualmente non c’è che l’imbarazzo della scelta per le monete "digitali". Si va da CannabisCoin a CannaCoin, a MarijuanaCoin, a DopeCoin a PotCoic, a SativaCoin. A queste si aggiungerà quella di un miliardario greco, Alkiviades David, proprietario degli impianti di imbottigliamento della Coca-Cola Hellenic in 28 paesi e produttore cinematografico, che ha annunciato di voler istituire un "Swiss Bank of Cannabis" con sede a Gstaad per gestire una nuova criptovaluta legata alla cannabis. Nome in codice:"Swx Coins".
Scettico sull’uso di "denaro" alternativo per pagare la cannabis è invece Michele Fiscalini, che ha ideato il TicinoCoin, la criptovaluta ticinese. "Difficile capire se l’idea riuscirà. Ma non mi stupisce. Dal 2014 sono moltissime le criptovalute che sono strettamente legate alla canapa e che vengono utilizzate per ovviare ai pagamenti tradizionali. Un vero e proprio boom che ha registrato però anche numerosi fallimenti". Tanto che Fiscalini mette in guardia da certe iniziative: "Molti mettono in correlazione i BitCoin con i pagamenti in nero, le truffe, i raggiri, le operazioni al limite del legale - dice - ma statisticamente solo l’1% delle monete digitali è utilizzato per transazioni illecite. Il mezzo più usato per i pagamenti in nero resta sempre il cash".
Dettaglio importante: a metà maggio il magnate greco, che vuole stabilire il prezzo di transazione digitale della cannabis, è stato arrestato in una piccola isola dei Caraibi con ingenti quantità di canapa. È stato rilasciato su cauzione. Il marchio Swiss è stato utilizzato per dare credibilità all’operazione. Al momento del lancio Alkiviades David ha infatti specificato: "Abbiamo usato il know-how finanziario svizzero per creare il prima banca e criptovaluta collegata all’industria legale della cannabis. Lo Swissx Global Exchange sarà una risorsa autorevole per l’intero settore".
25.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ecofin: frenata
sulla revisione
delle regole
fiscali

Trump conferma:
ucciso il figlio
di Osama
Bin Laden

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00