Raggiunta la parità di genere nelle unioni registrate
Immagini articolo
Le lesbiche si sposano
...almeno quanto i gay
ANDREA BERTAGNI


La "supremazia" degli omosessuali maschi nelle unioni registrate ha subìto un piccolo scossone l’anno scorso in Ticino. Se è vero che dal 2015 al 2017 la proporzione è stata solo e sempre a favore delle coppie di uomini, tre volte più numerose rispetto alle donne, è altrettanto chiaro, analizzando i dati statistici, che nel 2018 i "matrimoni" tra lesbiche sono stati quasi uguali a quelli dei gay. Nello specifico, l’anno scorso a essersi unite civilmente sono state 7 coppie di donne e 9 coppie di uomini omosessuali.
Un pareggio inaspettato. Che sorprende, visto che le unioni tra donne dello stesso sesso sono sempre state meno consistenti rispetto a quelle degli uomini. In Ticino come in Svizzera. Dove il rapporto è sempre stato tre volte a favore dei gay.
Tuttavia, il risultato ticinese non meraviglia Maria von Känel, vicepresidente delle famiglie arcobaleno: "Credo che essendo più vicini all’Italia i ticinesi diano più importanza al concetto di famiglia - dice -, più centrale nella loro cultura la nozione di nucleo familiare, una nozione che deriva dalla tradizione cattolica. Mentre nei cantoni protestanti questo aspetto è meno sentito". Ciò nonostante le unioni tra lesbiche potrebbero essere molte di più. E Känel osserva: "Se non fossimo in una società patriarcale e maschilista la realtà sarebbe ben diversa, molte donne omosessuali hanno paura e preferiscono nascondersi e vivere la loro sessualità in clandestinità, anche se negli ultimi 10 anni qualcosa è cambiato". Von Känel si spiega meglio. "Rispetto al passato oggi ci sono molte più persone che fanno coming out, che dichiarano apertamente il loro orientamento sessuale. Forse per imitare politici, attori e personaggi dello spettacolo, anche svizzeri, che già l’hanno fatto".
Vero è che non tutto è risolto.  "Purtroppo non è stato compiuto alcun passo avanti nei confronti delle adozioni - osserva von Känel -, eppure sono tante le lesbiche che vorrebbero avere figli". La vicepresidente delle famiglie arcobaleno cita un sondaggio compiuto tra i membri dell’associazione. Ebbene, più del 50% delle donne intervistate si dichiara insoddisfatta della legislazione attuale, esprimendo il forte desiderio di diventare mamma. Oggi invece alle coppie omosessuali viene concessa solo la possibilità di adottare il figlio del partner. Una norma perlopiù pensata per i figli delle coppie omosessuali gay, nati grazie a gravidanze surrogate, e per le lesbiche attraverso l’inseminazione artificiale di un donatore. La prima pratica in Svizzera è proibita, la seconda è ammessa, a talune condizioni, solo per le coppie sposate. Succede però spesso che le coppie ricorrano al cosiddetto "utero in affitto" o alla fecondazione artificiale all’estero, non essendo questi permessi in Svizzera.
Solo quando tutto cambierà, sostiene von Kälin "aumenterà il numero di unioni registrate tra coppie dello stesso sesso". In Ticino come in Svizzera. Anche perché secondo i dati statistici le cifre sono stabili da diversi anni. A Sud delle Alpi ogni anno i "matrimoni" tra coppie omosessuali sono una ventina, mentre a livello nazionale non superano mai i settecento.
abertagni@caffe.ch
25.08.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00