Salgono i casi di corruzione e si chiedono regole più dure
Immagini articolo
"Leggi inadeguate
contro il riciclaggio"
FEDERICO FRANCHINI


Il prossimo 21 agosto, al Tribunale penale federale (Tpf) comparirà un ex banchiere della Morgan Stanley: è accusato di avere riciclato a Zurigo le mazzette dell’ex ministro greco Akis Tsochatzopoulos. Dalla lettura dell’atto d’accusa emerge come l’uomo avrebbe aiutato l’ex politico a riciclare circa 22 milioni di franchi. Denaro che Tsochatzopoulos ricevette in cambio di comande militari. L’ex banchiere avrebbe agito sebbene avrebbe dovuto sapere che si trattava di denaro relativo ad atti di corruzione. Nel 2012, il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) aveva affermato come questa vicenda "ha permesso di rilevare che la piazza finanziaria elvetica, con la sua vasta offerta di società offshore gestite in Svizzera, può essere utilizzata anche per transazioni finalizzate all’aggiudicazione corruttiva di appalti milionari in Stati Terzi".
Da allora di acqua sporca sotto i ponti della corruzione ne è passata tanta. Come da un fiume in piena la Svizzera è stata inondata dai recenti grossi scandali internazionali (Petrobras, 1Mbd, Fifa...). Sono decine le inchieste aperte in questi anni nei dall’Mpc, alcune delle quali anche nei confronti degli stessi istituti bancari. Sono invece centinaia i milioni di franchi sequestrati in Svizzera, parte dei quali in Ticino. Soldi sporchi, frutto di mazzette, bustarelle o tangenti, chiamiamole come vogliamo, che, versate a ministri, funzionari, dirigenti di aziende statali, sono stati trasferiti nella Confederazione per essere riciclati. Presentato quest’estate, un rapporto del Gruppo interdipartimentale di coordinamento per la lotta contro il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo si concentra sulla questione e conferma: la corruzione è ormai la principale fonte di sospetto nelle segnalazioni che gli intermediari finanziari fanno al Mros, l’Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro.
Se nel 2008 meno del 10% delle segnalazioni aveva a che fare con casi di corruzione, nel 2017 si è saliti al 23%. "Tale crescita - si sottolinea nel rapporto - testimonia da un lato una migliore identificazione dei sospetti di riciclaggio legati alla corruzione da parte degli intermediari finanziari e dall’altro delle ripercussioni in Svizzera dei diversi recenti casi internazionali di corruzione". Ma non solo: la tendenza illustra "la minaccia importante di riciclaggio di denaro che la corruzione costituisce per la piazza finanziaria svizzera". Per gli autori la legislazione svizzera dispone tuttavia di un arsenale giuridico efficace. Un’opinione che non è condivisa da Martin Hilti, dell’Ong Transparency International: "Contrariamente a quanto indicato nel rapporto, le misure esistenti e quelle avviate per combattere il riciclaggio di denaro sporco non sono ancora sufficienti. Le nostre regole presentano ancora notevoli lacune rispetto ad altri paesi", spiega al Caffè.
Il rapporto, dettagliato e ricco di statistiche, sottolinea anche alcuni punti critici dell’economia svizzera. Si accenna, ad esempio, al rischio particolare dato dalle società attive nel commercio di materie prime: "Le società svizzere di trading sembrano particolarmente vulerabili al riciclaggio di denaro della corruzione e sono maggioritarie nelle comunicazione di sospetto legate alla corruzione che riguarano delle società elvetiche". Non è un caso se l’ultima condanna emessa dal Tpf per corruzione è stata, nell’agosto 2018, quella nei confronti di un ex trader della società ginevrina Gunvor, colpevole di aver versato mazzette a dei dirigenti africani.
18.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Groenlandia fa gola
alla Cina e all'America
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ecofin: frenata
sulla revisione
delle regole
fiscali

Trump conferma:
ucciso il figlio
di Osama
Bin Laden

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00