Alle radici delle proteste indipendentiste contro Pechino
Immagini articolo
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
LORETTA NAPOLEONI


All’inizio di agosto l’aeroporto di Hong Kong è semideserto. I turisti che in questo mese di vacanze sono soliti visitare la città quest’anno hanno deciso di disertarla a causa della tensione con Pechino e gli scioperi, i primi in più di dieci anni, hanno costretto le linee aeree a cancellare centinaia di voli. La tensione è palpabile appena si atterra. Dentro il terminal si intravedono poliziotti e soldati osservare chi arriva e chi parte, sono disposti lungo i corridoi, lontano dal flusso dei passeggeri, ma c’è così poca gente che è impossibile non notarli.
Dai finestrini del treno che congiunge l’aeroporto alla città si intravedono i grattacieli lavati da una pioggia torrenziale tropicale. Tutto sembra normale ma lungo i canyon di cemento che li separano da settimane la gente marcia contro le decisioni di Pechino. Nel distretto centrale, il cuore della città, ormai c’è un muro umano permanente di dimostrati. Non è possibile attraversarlo, a stento si riesce a muoversi. Hong Kong, la città degli affari, con i prezzi dell’immobiliare più alti al mondo è una polveriera che potrebbe esplodere da un momento all’altro.
La crisi di Hong Kong è l’evento più drammatico e pericoloso che l’attuale leadership cinese si trova ad affrontare. Potrebbe diventare la prova del nove del sistema misto cinese, il test della sua adattabilità e flessibilità in un mondo in constante cambiamento che richiede leadership più che forti illuminate. Se la crisi non rientra e le richieste dei manifestanti non vengono accettate, allora le ripercussioni si faranno sentire in tutta la Cina, l’immagine internazionale della nuova nazione, il capi-comunismo dove chiunque può diventare ricco, un fotomontaggio pazientemente costruito dalla leadership cinese negli ultimi due decenni per cancellare anche i ricordi delle atrocità del regime comunista, andrà in frantumi. Ma se Xi Jinpin riesce a risolverla pacificamente allora passerà alla storia come un super-eroe politico.
A nessuno conviene schiacciare le manifestazioni di Hong Kong come furono represse le proteste di Piazza Tienanmen. Nè a Pechino nè ad Hong Kong. Da quando la Cina ha iniziato le sue riforme economiche all’inizio degli anni Ottanta - e in particolare dopo il passaggio di consegne da parte del Regno Unito al controllo cinese - Hong Kong è stata un canale vitale di accesso commerciale, finanziario ed economico per e verso il mondo. A riprova la formula "un Paese, due sistemi", con la quale Pechino ha garantito a Hong Kong 50 anni di autonomia politica e giuridica dopo la consegna del 1997.
Ma non basta, Hong Kong è importante per soddisfare le aspirazioni di Pechino di riprendere il controllo su Taiwan, che considera una provincia rinnegata. L’indipendenza e neutralità di Hong Kong ne fa il forum ideale per riunire aziende e investitori di sistemi molto diversi che altrimenti non potrebbero fidarsi reciprocamente gli uni degli altri.
Allora perché questa crisi? La risposta sembra essere meno complessa di quanto si pensi. La leadership cinese ha commesso un errore, un gravissimo errore, ha sottovalutato lo spirito di indipendenza della città ed adesso non sa come reagire. Teme che facendo concessioni ai manifestanti comprometta la propria immagine in patria, che si infrangano altri equilibri politici all’interno della Cina.
Allo stesso tempo la repressione militare scatenerebbe un’ondata di critiche a livello internazionale e non è detto che diventi la miccia per altre proteste. Una situazione davvero critica, dunque, che richiede una leadership illuminate, intelligente e carismatica.
11.08.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00