function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




La figlia dell'ex dittatore uzbeko e i ricchi appalti
Immagini articolo
L'allegra vita di Gulnara
con villa e soldi  Ginevra
FEDERICO FRANCHINI


Una trentina di conti bancari in Svizzera su cui sono transitati centinaia di milioni di franchi. Cassette di sicurezze, denaro contante, gioielli e auto di lusso, oltre ad una villa a Cologny, villaggio dei nababbi alle porte di Ginevra. Non si è fatta mancare niente Gulnara Karimova, 46 anni, figlia del defunto ex dittatore uzbeko Islom Karimov, ex star della pop music locale, oggi finita in disgrazia in patria. Anche se l’inchiesta svizzera nei suoi confronti è ancora aperta, la recente condanna dell’ex marito Rustam Madumarov per riciclaggio e falsità in documenti da parte del Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) mette in luce l’operato di quella che gli inquirenti federali hanno definito una "banda organizzata". Una struttura chiamata "l’Ufficio" i cui comandi erano nelle mani della stessa Karimova e il cui scopo era il riciclaggio delle mazzette ottenute in cambio di appalti. Dal decreto d’accusa che condanna Madumarov emergono diversi dettagli di una delle inchieste più complesse condotte dalla Procura federale. Un’inchiesta che ha portato, di recente, alla ricusazione del procuratore incaricato Lamon, per un contestato viaggio in Uzbekistan, e che vede ancora cinque persone sotto indagine.
Dal documento giudiziario che il Caffè ha potuto consultare emerge l’esistenza di una struttura creata per ricevere illegalmente somme ingenti da parte di società straniere, attive soprattutto nell’ambito delle telecomunicazioni, per entrare nel mercato uzbeko. Denaro per oltre 800 milioni di franchi che veniva in seguito riciclato dall’"Ufficio" all’estero, in particolare in Svizzera. Il meccanismo di riciclaggio si basava su numerose società offshore designate con nome in codice. Società apparentemente controllate da perfetti sconosciuti, ma la cui beneficiaria finale occulta era la figlia dell’ex presidente. Venivano poi studiate strategie e varianti per permettere di giustificare i versamenti dei fondi da una società all’altra. In Svizzera, Rustam Madumarov è stato attivo tra il 2004 e il 2013 aprendo conti bancari a nome di società volte a frammentare i trasferimenti e a intralciare l’identificazione dell’origine e della destinazione reale dei fondi. Ha anche firmato documenti bancari falsi con l’obiettivo di dissimulare la reale proprietaria dei fondi, ossia Gulnara Karimova. Circa 130 milioni di franchi da lui controllati sono stati definitivamente confiscati dall’Mpc in vista della restituzione allo Stato uzbeko. Altri 570 milioni sono tuttora bloccati dalle autorità svizzere in attesa dello sviluppo delle indagini.
In Svizzera sono stati aperti una trentina di conti bancari tra il 2004 e il 2012 a nome degli indagati o di società a loro riconducibili. La principale banca coinvolta è la Lombard Odier di Ginevra che, proprio per questa vicenda, è a sua volta sotto inchiesta penale da parte della Procura federale. Presso la banca ginevrina sono anche state noleggiate otto cassette di sicurezza. Qui sono stati sequestrati gioielli per svariati milioni di franchi, oltre a 7 milioni di dollari cash nascosti in scatole di biscotti. Nel decreto d’accusa viene anche menzionato l’acquisto, nel 2008, di una villa a Cologny per 17 milioni di franchi garantiti da una banca lettone.
Tra le altre attività criminali dell’"Ufficio", l’Mpc indica anche il matrimonio tra la Karimova e Madumarov. In coppia dal 2002 i due si sposano nel novembre del 2008, ma divorziano un mese dopo: secondo il contratto di divorzio il marito avrebbe dovuto versare 98 milioni alla moglie. Il contratto è stato poi utilizzato da presentare alle banche per giustificare l’uscita di denaro in favore della Karimova. Tutto falso, insomma. A parte i soldi che per ora restano bloccati in Svizzera e attorno al cui destino continua la battaglia giudiziaria.
07.07.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00