Il presidente americano apre le braccia a Londra ma...
Immagini articolo
Donald Trump ipoteca
il futuro post Brexit
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Le incaute gaffe di Donald Trump con la regina Elisabetta durante la visita in Gran Bretagna, fra strette di mano improbabili e pacche sulla spalla in aperta violazione delle regole base nel cerimoniale reale, sono in realtà il segno dei tempi. Il presidente americano infatti è pronto a spalancare le fauci per dettare le condizioni degli Stati Uniti nei rapporti futuri con un Paese in cerca di identità dopo la Brexit. E sono tanti i dossier in cui il capo di Stato inizia a mettere bocca e lo farà sempre di più quando Londra sarà lontana, in senso politico e commerciale, da Bruxelles e dall’ombrello protettivo dell’Unione europea.
Non è un caso se la premier conservatrice (uscente) Theresa May sia apparsa in completo disarmo di fronte alle pretese di The Donald nei colloqui tenuti durante la tre giorni inglese dell’ex tycoon. Nella conferenza stampa col primo ministro, il leader Usa ha detto senza mezzi termini: "La Brexit si farà e deve farsi, perché il Regno Unito è sovrano". Da sostenitore della "hard Brexit" già annuncia un accordo commerciale "fenomenale" fra Washington e Londra. Fenomenale più che altro per gli americani, come sottolineano gli esperti. Mentre la Casa Bianca ha già pronte le linea guida dell’intesa, fra le quali emerge la richiesta di un maggiore accesso dei colossi Usa alla sanità pubblica britannica, il cosiddetto Nhs, i sudditi di sua maestà navigano in alto mare, visto che non sanno nemmeno quale leader prenderà il posto della sconfitta e umiliata May.
Trump ha già messo sul tavolo l’ingresso di capitali privati Usa nella sanità d’oltremanica, considerato alla stregua di un incubo umiliante dalla sinistra laburista, ma anche da esponenti politici isolani di altre forze, conservatori moderati compresi. Non solo, il suo piano mira a sostenere le industrie farmaceutiche americane affinché strappino all’Nhs, attualmente dotato di una grande forza contrattuale, prezzi più alti sui loro medicinali. Ci sono in ballo commesse miliardarie e il presidente vuole difendere la sua economia nazionale ancora una volta. Fa sentire la sua voce anche rispetto al dossier Huawei, dopo l’apertura del Regno Unito a forniture di componenti non essenziali per le reti di telecomunicazione 5G da parte del colosso cinese, messo invece totalmente al bando da Washington perché considerato condizionabile dall’intelligence di Pechino.
"Troveremo un accordo", ha detto il presidente. Tradotto vuol dire: la sua influenza e il suo peso saranno determinanti. E l’ex tycoon ha messo bocca anche nella corsa alla leadership Tory e alla poltrona lasciata vacante dalla May a Downing Street. The Donald si è un po’ comportato come se fosse in una puntata di ‘The Apprentice’, il suo vecchio programma televisivo, e dovesse scegliere lui il nuovo primo ministro. Ha tenuto incontri con i ministri Michael Gove e Jeremy Hunt, ritenuti in pole position per la successione alla premier attuale in alternativa a Boris Johnson: il brexiteer ultrà, non alieno all’idea trumpiana d’un divorzio ‘no-deal’ da Bruxelles, a cui finora era parso andare il suo endorsement esclusivo, ma che si ritrova indicato solo come uno dei possibili candidati al n. 10.
Tanto da rinunciare egli stesso al faccia a faccia dopo una telefonata pur "amichevole" col presidente. Intanto Trump ha snobbato, un affronto senza precedenti, un colloquio col leader laburista Jeremy Corbyn, l’uomo che in caso di elezioni anticipate potrebbe pur sempre diventare il nuovo premier del Regno. Ma per The Donald è semplicemente un ‘loser’.
09.06.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00