Cosa c'è dietro la strategia del presidente americano
Immagini articolo
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
LORETTA NAPOLEONI


La guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina continua e Donald Trump la utilizza come leva elettorale. È questa una chiave di lettura che non piace a Wall Street ma che sembra spiegare i comportamenti apparentemente irrazionali del presidente americano. E vediamo nel dettaglio perché.
Nel suo stile classico, meno di una settimana prima dell’incontro finale per risolvere i problemi commerciali tra Cina ed Usa, Donald Trump ha minacciato con un tweet i cinesi. Il presidente intende aumentare le tariffe doganali dal 10 al 25 per cento su una serie di prodotti e per un valore di diversi miliardi di dollari. Le condizioni imposte per evitare quest’azione punitiva non sono ben chiare dal momento che poco è trapelato sulle negoziazioni fino ad ora condotte. Ma è chiaro che Trump non si fida dei cinesi. Il punto chiave è capire il suo obiettivo: impedire alla Cina il sorpasso economico che fiaccherebbe il settore industriale americano e colpirebbe a morte gli swing voter, quella fascia dell’elettorato che ha permesso a Trump di essere eletto. Trump vuole che la Cina smantelli la politica del Made in China 2025 che mira a chiudere il divario con l’occidente in 10 settori, tra cui quello dell’acciaio, entro il 2025 ed a dominare l’industria dell’intelligenza artificiale entro il 2030.
Questo non è semplicemente un obiettivo economico, è una strategia di lungo periodo diretta a garantire la sicurezza nazionale cinese, è un programma per il futuro il cui artefice è il presidente Xi Jinping e la meta finale è l’emergere della Cina come potenza globale. Nonostante le negoziazioni e l’apparente spirito conciliatore, la Cina sottotraccia continua a perseguire questo grande piano e la punta di diamante sono le imprese statali. Secondo molti la minaccia di Trump su Twitter è stata indotta proprio dalla certezza che la Cina ridurrà le promesse di tagliare i sussidi alle imprese statali.
Le conseguenze negative della guerra dei dazi e di un mancato accordo sono evidenti: flessione del mercato azionario e riduzione dell’esportazioni di prodotti agricoli americani, primo fra tutti la soia. A soffrire dunque sarà la borsa ed il settore agricolo ed a guadagnarci sarà l’industria pesante. Dal punto di vista economico il gioco non vale la candela. Lo stesso si può dire dell’imposizione delle tariffe sull’acciaio a Canada e Messico lo scorso anno. Un’analisi condotta da Econofact ha dimostrato che l’impatto negativo delle tariffe sull’occupazione nei settori che usano l’acciaio è stato maggiore dei benefici ottenuti dai produttori di acciaio.
E qui si innesca l’elemento elettorale. Con un’economia che cresce al 3,2 per cento ed un’occupazione ai massimi storici in quasi mezzo secolo, Donald Trump si può permettere di proteggere il suo elettorato a colpi di riforme economiche che discriminano a suo favore anche a danno di tutta l’economia. Parliamo della vecchia classe operaia americana, della classe media impoverita, di quell’America che ancora spera di tornare ad essere grande grazie a Trump. Un’America il cui voto può ancora garantirgli il secondo mandato. Ed è questa l’unica America che Trump conosce.
12.05.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è