Otto mamme si raccontano, tra figli, fatiche e desideri
Immagini articolo
"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
PATRIZIA GUENZI


F  reccia a destra e a sinistra per spostare i pezzi in caduta, freccia in alto per ruotarli e quella in basso per accelerarne la caduta. Barra spaziatrice per incastrare i blocchi e risparmiare tempo. Tasto S toglie il suono e H mette in pausa. Sono le istruzioni del Tetris, l’intramontabile gioco ideato nel 1985 da Alexey Pajitnov. Richiede un’abilità fatta di incastri. La stessa che ogni mamma deve avere. Lo evidenziano le otto donne che nel giorno della loro festa si raccontano al Caffè. Spiegano come riescono a conciliare i tanti ruoli che sono chiamate a  ricoprire. Alcune con più fatica di altre, ma alla fine tutte ce la fanno. Senza alcun rimpianto. Perché se c’è una cosa che accomuna le donne è che, sebbene mamme, o proprio per questo, sono molto flessibili, si adattano abilmente ad ogni imprevisto. E poi sono forti e caparbie.  
"Devi imparare ad essere in grado di parare ogni ‘colpo’, oltre ad essere onnipresente, e se non sei organizzata non ce la fai - spiega Duska Giorgetti, due figli di 11 e 14 anni -. La mia vita è proprio come il Tetris, sempre di corsa, ogni ‘pezzo’ deve incastrarsi alla perfezione". E quando qualche pezzo cade fuori, una mamma sa sempre come rimetterlo a posto. C’è riuscita Monica Induni, quando cinque anni fa è nato il suo primogenito. Gravidanza , parto sereno e la scoperta che il bebè aveva la sindrome di down e un problema al cuore. "Sia io che mio marito abbiamo reagito abbastanza bene - ricorda Monica che dalla sua esperienza ha creato Avventuno, un’associazione che raggruppa le famiglie con un figlio a cui hanno diagnosticato la Trisomia 21  -. È stato un paio di mesi ospedalizzato, ho avuto il tempo di documentarmi e capire che i problemi nella vita sono ben altri. Noi ce l’avremmo fatta. E anche mio figlio. È un bimbo sveglio che fa cose adatte alla sua età, pur con qualche difficoltà". Tre anni fa è arrivata anche una sorellina. "Il trucco è non farsi troppe domande sul futuro - riprende -, ci si angoscia inutilmente, sarà come sarà, sono molto positiva. Tutto fa parte della fragilità della vita".
Una fragilità che per una mamma significa anche fare i conti con le proprie ambizioni, professionali soprattutto. E senza un aiuto... Le strutture per l’infanzia ci sono, ma sono anche molto care. Troppo. "Tanto che fatti due conti tanto vale restare a casa", osserva Elisa Stefanetti, due figli di 6 e 2, che alla fine ha scelto di fare la mamma a tempo pieno. "Ora sono riuscita a conciliare lavoro e famiglia perché ho aperto un e-commerce di abbigliamento comodo per bimbi". Il lavoro è un modo, anche, per evadere dal tran tran quotidiano, casa-bimbi, bimbi-casa.  
Avere contatti con l’esterno è infatti un’esigenza per molte mamme. Che se non fanno capo ad asili nido e scuole dell’infanzia si aggrappano al "salvagente nonni" per riuscire ad incastrare tutto, famiglia, professione e qualche attimo per sè stesse. Martina Mattei ha aspettato a tornare in ufficio, al 50%, quando il bimbo, oggi 2 anni e mezzo, ne aveva uno. "È un perenne slalom tra gli impegni - conferma -. Lavoro a Bellinzona, due ore se ne vanno per il viaggio. Per due giorni mi appoggio al nido, per uno ai nonni. Sperando sempre che non ci siano imprevisti. Per fortuna c’è mio marito". Mariti che almeno nel caso delle nostre mamme sono molto presenti. "Sono una mamma che con il papà funziona ancora meglio - confessa Marta Ammirati, quattro figli dai 15 ai 21 -. Sino ai 33 anni ho fatto la casalinga. Poi sono entrata nello studio di famiglia, ma la precedenza sono sempre stati figli e marito. Per me fare la mamma è meravigliosamente intenso".
Intenso, certo. Pur perennemente su un’altalena di fatiche, rinunce, gioie, dolori e un po’ di frustrazione. Viviana Rossi, due figli di 5 e 3 anni e mezzo, ha sempre ammirato le mamme lavoratrici. Prima. "Le vedevo come delle wonder woman - racconta -. Invece siamo noi quelle mitiche, mamme full time! Sempre a disposizione. Ma è una fatica che vale la pena compiere, anche a costo di qualche sacrificio". Il lavoro, ad esempio. Per ora Viviana è impegnata nel volontariato.  
C’è invece chi per non rinunciare ad una professione amata decide di lavorare come indipendente. È il caso di Nina Ferrera, due figli, di 5 e 2 anni, e che sin da ragazza sognava una famiglia tutta sua. "Se la giornata diventa una corsa ad ostacoli non va bene, non mi godo i miei figli - dice -. Ora non voglio mettermi fretta, riprenderò a lavorare più in là come levatrice indipendente". Anche Stephany Turcotti, due figli di 3 e 1 anno, ha rinunciato ad una professione che le piaceva, assistente di cura. "Turni, notti, festivi... era diventato insostenibile. Mi sono messa in proprio, ho aperto un negozio di giocattoli online. Voglio dedicarmi il più possibile ai bambini, dar loro tutti gli strumenti per affrontare al meglio il futuro". Un futuro che un po’ spaventa tutte. Ma intanto, dicono, "viviamo il presente".

pguenzi@caffe.ch
12.05.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è