Il governo rimanda la palla ai "camici bianchi"
Immagini articolo
"Chiedete risposte
ai vertici dei medici"
LILLO ALAIMO


La polemica non è destinata a spegnersi. Il gruppo di medici, una quindicina, che lo scorso febbraio ha scritto al governo lamentando poca trasparenza da parte dei vertici dell’Ordine cantonale dei medici (Omct) è determinato ad andare sino in fondo. Ma la polemica non sembra destinata a spegnersi specialmente dopo che un mese fa il presidente dell’Ordine, Franco Denti, non è stato rieletto in Parlamento. Si era presentato nella lista dell’Udc; la scorsa legislatura era in quella dei Verdi, lì approdato dal Ppd. Denti incolpa quel gruppo di medici, quella fronda per la sua mancata rielezione.
Tre mesi e mezzo fa quel gruppo di professionisti inviò al governo alcune domande, sia in relazione al cambiamento degli statuti (era novembre, in occasione dell’assemblea dell’Omct) sia in relazione agli onorari e alle spese dell’Ufficio presidenziale. Due vice-presidenti (Nello Broggini e Paolo Gaffurini) a cui sono attribuiti complessivamente 60mila franchi l’anno, e il presidente a cui spetta un onorario di 240mila franchi, oltre a 100mila   - “senza alcun giustificativo” - per il mancato guadagno causato dall’assenza dal suo studio medico.
Il governo ha risposto. E di fatto, per quanto riguarda onorari e spese dell’Ufficio presidenziale, ha rispedito la palla nel campo dei medici che hanno sollevato il problema. È vero che l’Omct è una corporazione di diritto pubblico, ha scritto il governo, ma simili questioni interne vanno gestite, appunto, internamente. “Riteniamo pertanto - si legge nella lettera datata 27 marzo - di dovervi rinviare al Consiglio direttivo dell’Omct affinché, a fronte di una vostra precisa richiesta, emani una decisione formale debitamente motivata, poi impugnabile secondo la legge sanitaria”.
La polemica, dunque, non è destinata a smorzarsi, perché alla luce del consiglio dato loro dal governo il gruppo di medici è determinato a proseguire la propria battaglia. Chiedono totale trasparenza. E, come scritto dall’Esecutivo cantonale, il Consiglio direttivo dell’Ordine dovrà rispondere “motivando debitamente le proprie decisioni”. Ma non sarà finita nemmeno allora perché quelle decisioni e quelle motivazioni potranno essere “impugnate”. Così ha scritto il Consiglio di Stato.
Per quanto riguarda invece le modifiche degli statuti votate quasi all’unanimità nell’assemblea dello scorso novembre, e subito rese esecutive, il Consiglio di Stato ha spiegato nella propria risposta che... all’Esecutivo spetta solo “la verifica della legalità e della conformità al diritto cantonale e federale”. L’approvazione degli statuti non è comunque ancora giunta perché in attesa (sino ad alcuni giorni fa) del verbale dell’assemblea.
Il gruppo di medici contestò le modifiche che avrebbero reso possibile (e così avvenne) la rielezione dei vertici annullando ogni vecchio limite di tempo. Ed è così che Franco Denti ha iniziato il suo 4° mandato. Il suo 13° anno di presidenza. È anche su queste modifiche che il governo potrebbe dire la sua. Ma è molto improbabile.
La richiesta di spiegazioni per quanto riguarda quei 400mila franchi di onorari (per  presidente e vice-presidenti) dovrebbe arrivare ai vertici dell’Ordine quanto prima. Ma già lo scorso fine marzo il dottor Denti giustificò quelle cifre spiegando che lui svolge le mansioni di un manager e, rispetto ai suoi predecessori, ha accorpato in sè le funzioni di presidente, direttore e segretario generale.

l.a.

Leggi la lettera
12.05.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è