Alberto Montorfani della Svit e i rischi per la pevidenza
Immagini articolo
"Gli interessi negativi
surriscaldano i mercati"
MAURO SPIGNESI


Gli investimenti massicci nell’immobiliare negli ultimi anni sono l’effetto e non la causa del surriscaldamento del mercato. Un effetto che ha portato alla stretta creditizia che penalizza soprattutto le famiglie. Lo spiega Alberto Montorfani, segretario di Svit Ticino, l’associazione che raggruppa i fiduciari immobiliari. "La causa - dice Montorfani - sono gli interessi negativi che il sistema bancario impone. Questo ha costretto tanti enti del primo e del secondo pilastro a puntare sull’immobiliare. Una scelta che, per lo stesso motivo, hanno fatto anche casse malattia, fondazioni, fondi quotati o non quotati, che hanno necessità di articolare i propri investimenti". Dunque, per evitare di lasciare capitali fermi e pagare interessi negativi, come impone la Banca nazionale, nel mercato dell’edilizia si sono riversati miliardi.
Secondo la Finma, l’autorità di controllo del mercato finanziario, "un surriscaldamento del settore degli immobili può essere prevenuto in modo efficace solo attraverso adeguamenti mirati". Da qui la stretta. "La situazione - aggiunge Montorfani - è diventata davvero complicata. Perché da una parte l’immigrazione ha subito una frenata e dunque oggi c’è meno domanda di abitazioni, inoltre le famiglie fanno sempre più fatica a ottenere una ipoteca perché le banche hanno alzato l’asticella del capitale proprio per l’anticipo".
Per gli investitori l’immobiliare è ormai praticamente l’unica fonte di reddito. "È una industria, non più una opportunità. D’altronde chi ha capitali, cosa deve fare? Le casse pensioni se lasciano i soldi nelle banche ci perdono. Nell’immobiliare, almeno sulla carta, potrebbero ottenere una redditività media attorno al 3 o 4%. Ma se la situazione continuerà ad essere questa, se si continuerà a costruire così tanto ci vorranno anni prima che il mercato riesca ad assorbire tutta l’offerta di case. E questo avrà inevitabilmente riflessi anche sul fronte della previdenza. Perché già oggi i tassi di conversione sono sempre più ridotti e domani, con la frenata dei redditi legati agli investimenti immobiliari, potranno esserci notevoli contraccolpi. Saranno dunque guai per chi va in pensione". Le prospettive, insomma, non sono affatto buone.
"Fra l’altro le domande di costruzione - aggiunge Alberto Montorfani - attualmente sotto esame sono centinaia, dunque non si vede la fine di questa spinta". Il problema è che molti impresari edili hanno acquistato i terreni, ottenuto le licenze e firmato le ipoteche con le banche tempo fa. Oggi devono necessariamente aprire i cantieri e sperare di poter poi vendere le costruzioni. "Una delle alternative - aggiunge ancora Montorfani - erano le ristrutturazioni. Ma per effettuare i lavori serve tempo e dunque i proprietari, specie se casse pensioni o investitori istituzionali, devono calcolare mesi e mesi di mancato guadagno. Poi non è detto che un appartamento una volta ristrutturato possa essere subito messo a reddito perché con tutto lo sfitto che c’è gli inquilini hanno grandi possibilità di scelta".

m.sp.
14.04.2019


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00