Quando si può fare il nome dell'imputato e quando no
Immagini articolo
Non tutti i condannati
sono uguali sui media
ANDREA STERN


Loro sì, lui no. Una disparità di trattamento apperentemente inspiegabile. Dovuta esclusivamente, spiega l’avvocato Paolo Bernasconi, alle modalità con le quali le diverse persone sono state giudicate. Facciamo alcuni esempi. Nel 2015 si poté leggere sui giornali il nome di un consigliere comunale ppd di Chiasso condannato a una pena pecuniaria sospesa per aver rubato del polistirolo in un cantiere. Un bottino del valore di circa 12 franchi. Quindi un furto irrisorio, ma sufficiente a intaccare l’immagine pubblica dell’uomo. Che, in seguito lasciò la politica.
L’anno prima era stata resa nota l’identità di un altro consigliere comunale di Chiasso, leghista, condannato a una pena pecuniaria sospesa per atti sessuali con fanciulli. Anch’egli lasciò la politica. Più di recente, all’inizio dello scorso mese di dicembre, tutti i media hanno pubblicato il nome di un consigliere comunale leghista di Lugano condannato a una multa di 500 franchi per molestie sessuali telefoniche ai danni di alcune donne. E subito dimessosi dalla carica che ricopriva da una decina d’anni.
Resta invece ignota, almeno sui media tradizionali, l’identità dell’ex funzionario del Dss ed ex consigliere comunale ps di Lugano condannato lo scorso 29 gennaio per coazione sessuale. "Il giudice ha potuto vietare ai media di divulgarne il nome - afferma l’avvocato Bernasconi - perché il processo si è tenuto a porte chiuse. Se il processo fosse stato aperto al pubblico, nessuno avrebbe potuto impedire alla stampa di riferire l’identità del condannato". La stessa regola vale per le persone condannate con decreto d’accusa. Un atto giudiziario che in se non sarebbe pubblico. Ma che lo diventa se qualcuno lo trasmette ai media. E a questo punto nessuno può impedire loro di riferire il nome del condannato.
L’avvocato Bernasconi riconosce tuttavia che la situazione andrebbe meglio chiarita a livello legale. "Oggi c’è una disparità di trattamento inspiegabile e inammissibile - osserva -. In materia di reati sessuali ci vorrebbe una norma a protezione della personalità delle vittime, indipendentemente da come vengono giudicati i colpevoli".

a.s.
10.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur