Il Cardiocentro si rivolge al personale e spiega che...
Immagini articolo
"Chiediamo 300 giorni
di pazienza a tutti voi"
PATRIZIA GUENZI


Sperano nella non rielezione in governo di Paolo Beltraminelli e nella scomparsa di Paolo Sanvido dalla presidenza dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc). Come i "Beati Paoli" (una setta segreta del XII secolo) i due Paolo ai vertici della sanità ticinese sono considerati veri nemici giurati. I principali antagonisti della Fondazione Cardiocentro, così tenacemente avversi da aver occupato parte o gran parte dei due incontri che nei giorni scorsi il direttore sanitario dell’"Ospedale del cuore", Tiziano Cassina, e il primario, Tiziano Moccetti, hanno avuto con il personale del Cardio. Di fatto una risposta alla lettera ricevuta il 21 gennaio dall’Eoc. Una lettera, inviata anche al Governo, in cui si stabiliva una precisa tabella di marcia per l’acquisizione del Cardiocentro. Ma soprattutto una lettera in cui si tranquillizza il personale dell’"Ospedale del cuore", circa 240 persone. Sarete tutti assunti dall’Eoc e alle medesime, attuali condizioni ha scritto in sostanza l’Ente ospedaliero in una serie di domande e risposte all’indirizzo di tutti i dipendenti del Cardio.
Ma nei due incontri con il personale i vertici del Cardio, così il Caffè ha ricostruito grazie ad alcune testimonianze, hanno gettato benzina sul fuoco delle preoccupazioni. Oltre a dipingere i "Paoli" come i veri ostacoli per la continuità del Cardiocentro sotto l’ala di una nuova Fondazione privata. Vale a dire dopo il 20 dicembre 2020 quando l’attuale Fondazione dovrà essere sciolta e per volere di chi ha finanziato nel 1995 la nascita della struttura (il medico germanico Eduard Zwick) tutto il patrimonio dovrà passare all’Eoc.
Ma tant’è! Il Cardio si oppone, come si sa, nonostante le totali rassicurazioni dell’Ente. La struttura diverrà un importante Istituto di Cardiologia e Cardiochirurgia (alla stregua, per intenderci, dell’Istituto oncologico) e avrà ogni autonomia possibile. Compresa quella finanziaria, con bilanci naturalmente approvati dalla direzione dell’Eoc.
No! Cassina e Moccetti hanno sventolato davanti gli occhi dei dipendenti lo spettro del peggioramento delle condizioni di lavoro. Sebbene già ora, tanto per fare un esempio, gli impiegati del Cardio siano assoggettati alla stessa cassa pensione dell’Eoc. E sebbene l’Ente sia disponibile a stipulare i nuovi contratti già dalla prossima primavera.
No! Il braccio di ferro si sta trasformando in una farsa a leggere in filigrana lettere, controlettere, verbali di incontri... Cassina e Moccetti hanno chiesto ai dipendenti 300 giorni di pazienza. Sì, proprio 300. Si attendono le prossime elezioni cantonali, si spera in un controprogetto all’iniziativa del Cardio (quella che in autunno ha raccolto 17mila firme). Si spera nella "scomparsa" dei "Paoli" e, appunto, nella stesura di un controprogetto che dia al Cardio altri 10 anni di autonomia. E quel che all’"Ospedale del cuore" più interessa è la totale autonomia finanziaria. Detto altrimenti, la direzione del Cardio non ha intenzione di rispondere finanziariamente a nessuno. Certamente non alla direzione dell’Eoc. Ma perché mai, ci si chiede da mesi?! Perché mai se le attuali condizioni contrattuali saranno garantite?! Se l’autonomia clinica, gestionale e amministrativa sarà garantita?!
Nell’attesa della risposta della Fondazione (che è altro rispetto alla direzione sanitaria) alla lettera del 21 gennaio dell’Eoc, pare che tra il personale del Cardio si stia preparando una sorta di sondaggio. Che ne pensano i dipendenti di quanto sta accadendo? Molto probabilmente le risposte dell’Ente agli interrogativi del personale, allegate alla lettera, dovrebbero aver tranquillizzato tutti. Si tratta in fondo di 240 dipendenti da integrare fra i circa 5.400 contrattualmente già legati all’Eoc. E le cui condizioni lavorative da sempre sono definite più che soddisfacenti. E non solo dai " Paoli".

pguenzi@caffe.ch
10.02.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2019
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14