L'analisi dopo il Pardo d'ro al film "A land imagined"
Immagini articolo
Ha vinto un film
che vedranno pochi
MARIAROSA MANCUSO


Twin Peaks" di David Lynch ha fatto danni, generando imitatori non all’altezza del maestro. L’ultimo meteorite colpisce il Palmarès di Locarno 2018, vinto da "A Land Imagined": film made in Singapore che comincia operaio come "Il salario della paura" di William Friedkin (o anche "Vite vendute" di Georges Artaud) e finisce visionario. Ai lavoratori immigrati viene tolto il passaporto, trovano sollievo nelle sale giochi (o forse anche il cantiere è un sogno, chi può dirlo?). Va notato comunque lo sfasamento: la serie tv è andata in onda nel 1990, il cinema la imita trent’anni dopo.
Il regista vincitore del Pardo si chiama Yeo Siew Hua, non fate neppure lo sforzo di tenerlo a mente: fa un film ogni dieci anni, questo è il secondo, e nelle sale non circolerà. Bisogna pur rispettare la gloriosa tradizione del Locarno Festival, dove il pubblico e il cinema si incontrano solo in Piazza Grande, per il resto viaggiano su binari separati.
Speravamo nei giurati Emmanuel Carrère e Sean Baker, lo scrittore di "Limonov" e il regista di "Un sogno chiamato Florida", per una campagna a favore dei due titoli che pur parlando di miseria e desolazione si facevano guardare senza bisogno di pizzichi per tenersi svegli. L’americano "Diane" di Kent Jones e il britannico "Ray & Liz" di Richard Billingham, che ha avuto solo una menzione speciale (come se lo avessero scoperto quando i giochi erano già fatti).
Premio per l’attrice a Andra Guti, la ragazzina antipatica e manipolatrice nel film del rumeno Rudu Munteanu (non era esente da difetti, ma almeno era una donna parlante, meglio della turca "Sibel" che comunica con il linguaggio dei fischi). Premio per l‘attore al coreano KI Joobong per "Gangbyun Hotel", l’albergo sul fiume diretto da Hong Sangsoo. Ovvero: il film prediletto dai cinefili che non si sono fatti incantare dal monumento al (proprio) narcisismo del regista argentino Mariano Llinas: 14 ore sbrodolate su vari generi cinematografici, e mai qualcosa di interessante per il civile spettatore.
Premio speciale della giuria - tutto ideologico - al documentario "M" di Yolande Zauberman: accuse ai rabbini pedofili, autocoscienza di maschi importunati (a ogni angolo di Tel Aviv ne sbuca uno). Il film israeliano che meritava il concorso, e anche un bel Pardo, era "The Dive" di Yona Rozenkier, relegato chissà perché in "Cineasti del presente.
12.08.2018



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00