Dopo la vittoria di Trub, i consigli degli ex vincitori
Immagini articolo
"Il villaggio più bello?
Sfruttate il successo"
ANDREA STERN


Il Ticino è rimasto ai piedi del podio. Gandria, che era tra i favoriti per il titolo di "Villaggio più bello della Svizzera 2019", ha ottenuto comunque un lusinghiero quarto posto. Appena davanti al paesino grigionese di Landarenca e a Meride, gli altri due paesi della Svizzera italiana giunti allo stadio finale del concorso. Al primo posto si è piazzato Trub, idilliaco paesino nell’Emmental, che permette così al canton Berna di bissare il successo ottenuto l’anno scorso con Oberhofen. Ma per Trub il difficile inizia adesso. Perché se si vuole capitalizzare la vittoria, spiegano i rappresentanti dei precedenti vincitori, è indispensabile impegnarsi a fondo. Tra chi c’è riuscito particolarmente bene si distinguono Morcote e lo stesso paese di Oberhofen. Entrambi, dopo aver vinto il concorso, hanno visto aumentare il numero di visitatori.

È come vincere al Lotto. Sul momento l’euforia è grande ma poi bisogna saper amministrare la vincita, se la si vuole far durare. "I primi giorni l’effetto è stato notevole - dice al Caffè Philippe Tobler, sindaco di Oberhofen am Thunersee, villaggio più bello della Svizzera nel 2018 -. Non appena è stato annunciato che avevamo vinto, al castello e in paese sono arrivati molti visitatori". Soprattutto turisti di giornata, spiega Tobler, anche perché Oberhofen am Thunersee dispone solo di poche e piccole strutture ricettive. "Siamo soprattutto una località di passaggio - spiega il sindaco -, la gente vede il nostro paese mentre si dirige a Interlaken o nell’Oberland Bernese ma raramente si ferma. In quest’ultimo anno invece abbiamo avuto la gradita visita di singoli curiosi, famiglie e anche gruppi organizzati".
L’anno di gloria si è però appena concluso e il futuro potrebbe essere meno entusiasmante. "È con un certo dispiacere che abbiamo ceduto lo scettro - afferma Tobler -. Credo però che gli effetti positivi resteranno, seppur in maniera meno marcata. Non siamo più i campioni in carica ma ci siamo pur sempre fatti conoscere come uno dei villaggi più belli della Svizzera. Spero che qualcuno se ne ricorderà".
Un esempio da seguire è quello di Morcote, villaggio più bello della Svizzera nel 2017, dove gli effetti positivi non si sono fermati all’aumento del 18% dei pernottamenti nell’anno da vincitore. "Il titolo è come una pianta - dice Massimo Suter, municipale nonché presidente di Gastroticino -. Se la curi cresce e dà frutti, se la abbandoni appassisce". Una metafora che rende bene l’idea dell’impegno necessario per capitalizzare il premio. "Quando si diventa villaggio più bello della Svizzera si riceve una semplice targhetta e viene organizzata una festa - spiega Suter -. Se non si mette in campo una strategia, il rischio è che tutto finisca lì".
Morcote ha infatti puntato molto sul marketing, incoraggiando ogni singolo attore economico del posto a veicolare l’immagine del premio. "Bisogna mantenere vivo l’interesse - osserva - e cercare sempre nuove idee. Per esempio si potrebbe collaborare tra villaggi più belli della Svizzera creando un itinerario che li colleghi tutti. Si eviterebbe che alcuni di loro finiscano nel dimenticatoio".
Come sembrerebbe purtroppo essere il caso a Soglio, piccolo paese della Val Bregaglia insignito del titolo nel 2015. "Quattro anni fa io non ero ancora in carica - premette Serge Adler, direttore di Bregaglia Turismo - ma da quanto mi risulta a quel riconoscimento non è stata abbinata alcuna offerta turistica. Senza un prodotto specifico non si può quindi essere sicuri se c’è stata o meno una risposta tangibile dei visitatori". Dalle statistiche, ad ogni modo, non si direbbe proprio.
Riscontri tiepidi anche a Schwellbrunn, piccolo paese nel cantone di Appenzello esterno che ha vinto il concorso nel 2017. "Il riconoscimento ci ha fatto piacere - dice Irene Gleicher dell’Hotel Armonie - ma i pernottamenti sono rimasti pressoché immutati. Dubito che ci sia stato un riscontro economico". Forse anche in questo caso è mancata una strategia di accompagnamento, se così la si può definire. Perché vincere è relativamente facile, far fruttare il premio molto meno.
a.s./an.b.
25.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00