Confronto sull'ipotesi di ordinare sacerdoti uomini sposati
Immagini articolo
Il celibato dei preti
divide ancora la Chiesa
CLEMENTE MAZZETTA


Ritorna d’attualità il tema del celibato dei preti. Ma da una posizione opposta rispetto all’apertura del Sinodo sull’Amazzonia nell’autunno scorso. In quell’occasione l’assemblea dei vescovi aveva riconosciuto, vista la particolare situazione dell’Amazzonia, che fosse necessario trovare una soluzione "per ordinare sacerdoti uomini idonei (viri probati), riconosciuti dalla comunità", con una famiglia "legittimamente costituita e stabile". Cosa che ha suscitato una reazione all’interno della Chiesa. Il cardinale Robert Sarah e il papa emerito Benedetto XV hanno scritto un libro "Dal profondo del nostro cuore" in cui hanno sostenuto le ragioni opposte all’ordinazione di uomini sposati. Per Ratzinger il celibato è indispensabile al sacerdozio. Una situazione su cui si confrontano due teologi, Sergio Vitalini e AlbertoBondolfi.
c.m.


L’apporto degli sposati sarebbe notevole e nella linea delle scritture
Sandro Vitalini
Teologo, ex pro-vicario generale della Diocesi di Lugano
Per affrontare la questione del celibato dei presbiteri, ovvero dei preti, sarebbe opportuno basarci sulle sacre scritture che ci trasmettono la vita di Gesù Cristo con i suoi apostoli e che ci fa meglio comprendere il valore del celibato, come pure della vita matrimoniale.
I testi scritturistici mi sembrano molto eloquenti, dovrebbero illuminare tutta la vita della Chiesa, anche sul celibato. Dovremmo ispirarci alla Chiesa orientale dove non si è mai sentito parlare di crisi di vocazioni anche perché non esiste quell’obbligo al celibato che impedisce  a  taluni di accedere al ministero presbiterale da noi. Il carisma della vita celibataria è piuttosto raro: l’uomo è fatto per la donna e viceversa. Nella tradizione orientale mentre il vescovo è scelto fra i presbiteri celibi o vedovi, per il presbiterio si ammettono persone che hanno anche una famiglia. Utilizzo il termine presbitero anche un po’ polemicamente rispetto al termine sacerdote (da Iereus) che è improprio, perché siamo tutti sacerdoti. Presbitero significa letteralmente anziano: è colui che per saggezza si mette al servizio della comunità, celebrando l’eucarestia e amministrando i sacramenti. Termine che in italiano è abbreviato con il termine prete, che andrebbe ripreso. L’apporto che potremmo avere nella Chiesa di persone sposate potrebbe essere notevole. Un allargamento delle maglie come è ipotizzato da papa Francesco sarebbe nella linea delle scritture, secondo il principio "unum facere et aliud non omittere".
A tal proposito cito la prima lettera di San Paolo a Timoteo, laddove si legge: "Se uno aspira all’episcopato, desidera un nobile lavoro. Bisogna dunque che il vescovo sia irreprensibile, marito di una sola donna, sobrio, prudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare, non dedito al vino, non violento ma benevolo, non litigioso, non attaccato al denaro. Sappia guidare bene la propria famiglia e abbia figli sottomessi e rispettosi perché se uno non sa guidare la propria famiglia come potrà aver cura della Chiesa di Dio". Non potremmo anche oggi vivere una  situazione simile, avere il prete per noi, in casa nostra, fosse anche operaio, addetto ad altri lavori, in grado di presiedere l’eucarestia? Mi stringe il cuore vedere le nostre chiese senza preti.


Si tratterebbe di creare una nuova generazione di sacerdoti già coniugati
Alberto Bondolfi
Teologo, docente di etica in università svizzere ed europee
L’ultimo episodio della firma data, poi ritirata di Benedetto sul libro in difesa del celibato mette in luce una diversa sensibilità fra papa Francesco e il papa emerito su questo tema, anche se papa Francesco sulla questione del celibato sacerdotale non ha ancora deciso nulla. Ma essendo in una realtà molto mediatizzata qualsiasi contrasto non può più essere nascosto.
Il dibattito è anche un confronto di principio fra due visioni diverse sulla funzione del prete nelle comunità della Chiesa cattolica. Da una parte c’è chi ne fa una regola essenziale irrinunciabile. Dall’altra parte chi - a giusta ragione - ricorda che tale obbligo è intervenuto solo a inizio medioevo. Dopo mille anni di cristianesimo. Chi ne fa un attributo essenziale, ovviamente ha una visione diversa del prete rispetto a chi ritiene che il suo compito sia quello di predicare e presiedere all’eucarestia senza che ciò implichi obbligatoriamente una vita celibataria. Ricordo inoltre che il celibato è solo obbligatorio per la chiesa cattolica occidentale. Le comunità cattoliche di rito orientale, sono pienamente cattoliche, ma hanno preti sposati. Una sintesi, una soluzione fra le due posizioni non è facile. Non lo è perché il clero celibatario della Chiesa latina conta migliaia e migliaia di preti che nell’assumere questa funzione hanno fatto la promessa solenne di non sposarsi.
Non è pensabile che avvenga quello che è già avvenuto attraverso la Riforma del ‘500, quando tutta una popolazione di clero si sposò senza chiedere il permesso a nessuno. Occorre rispettare e onorare le scelte personali. Si tratta piuttosto di creare una nuova generazione di preti già sposati. Però senza andare troppo lontano, in Svizzera si sono già attribuite alcune competenze dei preti ai laici, tanto che una buona metà delle parrocchie sono in mano a loro. Se non ci fosse più l’obbligo del celibato, queste persone potrebbero essere facilmente ordinati preti. A questo - problema ulteriore - si aggiunge anche quello dell’ordinazione delle donne. Ormai gli argomenti che sostengono la proibizione assoluta per le donne di essere ordinate prete stanno venendo meno. Per molti teologi e teologhe non ci sono argomenti cogenti che lo impediscano.
26.01.2020


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00