Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia riprende
ma la paura rimane
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il dialogo possibile
fra Corea e Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.08.2017
Aggiornati i dati sulla qualità igienica delle acque di balneazione rilevati dal Laboratorio cantonale [www.ti.ch/oasi]
27.07.2017
Avviso di prudenza del 27.07.2017 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2017 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
25.07.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato un nuovo dossier sulla caccia e pesca in Ticino
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
03.07.2017
Quinto/Cascina Rosserrora - coordinate 696/150 - Predazione 1 capra
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2017
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

I CONTI DELLA DOMENICA di Angelo Rossi
La corruzione va trattata
come rischio di gestione
Angelo Rossi


E così il Ticino si arricchisce di un nuovo scandalo. Nell’Ufficio cantonale delle migrazioni sono stati concessi, da funzionari corrotti, permessi di soggiorno a persone che non ne avevano diritto. Anche se la Svizzera figura tra i primi posti nelle classifiche per mancanza di corruzione, scandali di questo tipo non sono purtroppo rari nelle nostre amministrazioni pubbliche.
Di solito la corruzione si annida nel settore degli appalti. Ma anche gli uffici che concedono permessi o privative sono già stati colpiti da questo morbo. Per il momento si sa poco di preciso sul nuovo caso di corruzione nella nostra amministrazione cantonale; di conseguenza si tende a ricamare. Dapprima si è rilevato che questo caso di corruzione somigliava molto a quello che si era manifestato una decina di anni fa. Come dire: in materia di concessione di permessi di soggiorno i controlli non funzionano da sempre. Poi si è attaccato il direttore del dipartimento responsabile di quell’Ufficio e il suo partito che, in materia di politica migratoria, sembrerebbero essere rei di predicare bene e razzolare male. Infine si è cercato di allargare lo scandalo denunciando sempre nuovi responsabili, dentro e fuori dell’amministrazione. Secondo me, quando si manifestano casi del genere, è necessario non perdere la testa. Che in un determinato ufficio o sezione dell’amministrazione si ripeta un caso di corruzione è deplorabile e indica che su quell’unità amministrativa, più che su altre, pende il rischio della corruttibilità. Per evitare che il caso si ripeta non c’è bisogno di assumere dei Robespierre nell’unità in questione, perché non esiste un test dell’incorruttibilità cui sottoppore  un candidato al momento dell’assunzione.
C’è invece bisogno che il dipartimento cerchi di gestire il rischio che, di sicuro, non andrà diminuendo in futuro, in modo migliore di quanto – suo malgrado – non è stato capace di fare sin qui. Osservo però che quella della gestione del rischio è una questione squisitamente amministrativa, che non ha niente a che fare con l’appartenenza politica dei responsabili del dossier.
Di persone corruttibili ce ne sono in tutti i partiti e per lottare contro la corruzione sono necessarie virtù, come per esempio l’onestà, che non sono monopolio dei membri di uno o dell’altro partito. Bisogna fare posto nella gestione del rischio al parlamento? Secondo me, no. Non vedo perché si debba mettere sotto tutela un consigliere di Stato o l’intero Consiglio di Stato in questo caso. Le inchieste amministrative e quella giudiziaria dovrebbero bastare e per far luce sulla natura e la portata dello scandalo e per pronunciare le condanne che si renderanno necessarie.
26-02-2017 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

G20:
corteo pacifico
contro
le violenze

Ankara-Istanbul:
opposizione
in marcia
per la giustizia

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch