Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

L'EDITORIALE di Lillo Alaimo
Immagini articolo
Lettera aperta dal Caffè
al procuratore Perugini
Lillo Alaimo


Egregio signor procuratore Antonio Perugini, comprenderà le ragioni di questa nostra lettera aperta. Riteniamo che il caso che ci coinvolge (oggi noi quanto lei) sia di straordinario interesse pubblico.
Nella condanna da lei emessa dieci giorni fa contro tre giornalisti del Caffè e il sottoscritto direttore responsabile del settimanale, non c’è di fatto alcuna motivazione. Nei quattro decreti d’accusa per diffamazione e concorrenza sleale - al centro della causa sono i servizi della nostra testata sul tragico errore medico del luglio 2014 nella clinica Sant’Anna di Sorengo (furono asportati per un errore di identità i seni ad una paziente) - non c’è motivazione se non..., converrà con noi, una sorta di copia e incolla dalla denuncia fatta dalla clinica. La clinica accusa, il procuratore copia e incolla. Non se ne abbia a male, ma così agli occhi di molti se non di tutti è parso.
Non c’è motivazione e, cosa anomala a nostro avviso, non ci sarà nemmeno in futuro perché lei ha rinunciato a partecipare al dibattimento che si terrà in pretura. Ce lo ha comunicato questa settimana respingendo le richieste del Caffè (ovvero acquisire agli atti, verbali e testimonianze del personale della struttura sanitaria privata a comprova, se ce ne fosse necessità, del fatto che ogni parola pubblicata corrisponde a verità). In aula, davanti al pretore, ci saranno solamente i giornalisti accusati e il sottoscritto, il loro legale (l’avvocato Luca Allidi) e la clinica, rappresentata dall’avvocato Edy Salmina. Lei signor procuratore, che ha sposato integralmente le tesi della Sant’Anna, non verrà a spiegare il perché di questi decreti d’accusa. Certo, non è la prima volta che lei sceglie questa... strategia. Respinge l’opposizione ai decreti, conferma le condanne proposte e chiude la porta del suo ufficio evitando di doverne spiegare il perché in pretura. Sbrigatevela voi!
La sua è una decisione che a noi pare voglia svuotare di ogni significato un caso che ha in sé importanti risvolti legati alla libertà di opinione e di stampa, con implicazioni che hanno direttamente a che fare con il libero dibattito in una vera democrazia. E per di più al centro c’è la salute pubblica.
Perché ci sarebbe diffamazione se non è stata scritta dal Caffè una parola, una notizia che non sia corrispondente a verità? E ciò è d’altra parte dimostrato dai quattro decreti d’accusa (si trovano integralmente su caffe.ch). Perché si può condannare per diffamazione un giornale che ha posto (senza aver ancora oggi ricevuto risposta) domande di interesse generale, interrogativi legati alla salute e alla sicurezza delle strutture sanitarie pubbliche e private? Perché è diffamante chiedere quale procedura di sicurezza sia stata applicata all’interno della clinica, se l’errore di una sola persona, il chirurgo che operò, ha potuto causare un simile disastro? Perché è diffamante chiedere e richiedere come sia possibile che, oltre alla responsabilità di quel medico, non siano state a tutt’oggi prese in considerazione eventuali responsabilità nella gestione organizzativa della clinica (l’inchiesta penale su quell’errore non è ancora chiusa, come lei ben sa, ma l’unico sotto inchiesta è sino ad ora il chirurgo)? Come è possibile ciò, visto anche che il presidente della Commissione di vigilanza sanitaria, il giudice Mauro Ermani, ha scritto testualmente in un suo rapporto che alla Sant’Anna i chirurghi lavoravano come "acrobati senza rete...". E ancora: è normale che, come dichiarato a verbale dal personale infermieristico, al tempo di quell’errore e anche successivamente, i medici assistenti dei chirurghi in sala operatoria fossero sostituiti da infermiere strumentiste, anche per operazioni complesse? Complesse, come appunto l’asportazione dei seni alla paziente vittima di quell’errore di identità. In aiuto del chirurgo quel giorno, e solo a metà operazione perché impegnata altrove, arrivò infatti una strumentista.
Le domande "diffamanti" poste dal Caffè, come lei ben sa signor procuratore, non finiscono qui. C’è altro.
È normale che la clinica non abbia detto alla vittima la verità sull’accaduto per oltre quattro mesi, nell’attesa che lo facesse il chirurgo? Ed è normale che, nonostante l’obbligo imposto dalla legge sanitaria come ricordato anche dal giudice Ermani, non abbia mai segnalato i fatti all’autorità sanitaria o a quella penale?
E tanto per chiudere con queste "diffamanti" domande: se, come sostiene la clinica, l’unico responsabile di quell’errore fu quell’"irresponsabile" chirurgo, perché mai la Sant’Anna gli permise di continuare ad operare per oltre un anno, consentendogli di eseguire 200 e passa interventi? Il primo già un’ora dopo il grave errore.
Sarebbe stato arricchente per il dibattito pubblico, signor procuratore, poter sentire in aula le sue motivazioni in merito alle condanne emesse contro quattro giornalisti, ancora oggi convinti di aver fatto il proprio lavoro con estremo scrupolo e serietà.
Sarebbe stato interessante poter ascoltare le sue argomentazioni in relazione agli interrogativi legittimi e stringenti che i cittadini si sono posti e si pongono dinanzi a quanto accaduto. E dinanzi alla nostra inchiesta giornalistica, per la quale circa 2.700 persone hanno sino ad oggi firmato l’appello in difesa della libertà di stampa. Chiedendosi oltre tutto come sia possibile, nonostante la giurisprudenza federale e di Strasburgo, condannare dei giornalisti anche per il reato di concorrenza sleale (in questo caso solo il direttore responsabile della testata). Quali sono i nuovi confini entro i quali la stampa può svolgere il proprio dovere? Quando diventa diffamante porre domande per cercare di comprendere fatti e fenomeni? Qual è l’unità di misura per stabilire che, come si è fatto con i suoi decreti d’accusa, sette servizi giornalistici (così, un numero a caso tanto per fare un esempio) vanno bene ma dodici sono troppi e quindi diffamanti? Benché gli interrogativi restino irrisolti.
Domande, anche sul comportamento della magistratura (sia per il nostro caso sia per quello relativo all’errore medico), ce ne sono eccome da porre! E ciò, signor procuratore, a noi pare legittimo in democrazia. È anche per questo che ci siamo permessi di scriverle questa lettera aperta. E prima ancora di fare... i giornalisti.
Nell’attesa di una sua cortese risposta, che non macheremo di pubblicare la prossima domenica, voglia gradire, egregio procuratore, i nostri più cordiali saluti.


Decreto di accusa Lillo Alaimo

Decreto di accusa Libero D'Agostino

Decreto di accusa Stefano Pianca

Decreto di accusa Patrizia Guenzi
12-03-2017 01:00

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole