Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Gli affari con la Cina
garanzia per l'Australia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"

GLI SCENARI di Luigi Bonanate
Vano tentativo di Trump
di comprare i ghiacciai
Luigi Bonanate


Che cosa direbbe Donald Trump se Xi Jinping volesse comprarsi le isole Hawaii per il solo fatto che non sono tanto lontane dalla Cina? Potremmo chiederlo alla signora Mette Frederiksen, attuale premier della Danimarca, che si è vista chiedere da Trump quanto voleva per vendergli la Groenlandia che non è, a sua volta, neppure tanto lontana ma ha - guarda caso - una posizione geo-strategica che le consente di controllare l’accesso al Polo nord.
Non è una novità che quella landa desolata, abitata da meno di 60.000 persone e quasi completamente coperta da ghiacci perenni, abbia sempre attratto i Paesi viciniori (Usa, Canada, Russia, Danimarca, ai quali vanno aggiunti Islanda, Norvegia e Finlandia), un tempo esclusivamente per motivi di navigazione, e ora anche per ragioni strategiche. La ricerca del cosiddetto "passaggio a nord-ovest" fu una delle grandi pagine della storia delle esplorazioni, quando ancora non si sapeva se il Circolo polare artico fosse un’unica terra continua o avesse dei varchi per attraversarlo. L’esploratore R. Amundsen fu il primo a trovare un passaggio, nel 1905-6 e ad aprire dunque al mondo la possibilità di far viaggiare grandi imbarcazioni riducendo di quasi un terzo la durata del viaggio intercontinentale tra Europa (Russia) e America.
Ma non è questa la ragione che ha spinto Trump a fare una richiesta così balzana, che dovrebbe servire alle Forze armate statunitensi per presidiare una delle zone strategicamente più importanti del pianeta (ma è difficile valutare quanto quella posizione sia davvero vantaggiosa). Piuttosto incuriosisce che l’idea dell’acquisto abbia caratterizzato, nei secoli, la concezione geografica del mondo da parte degli Stati Uniti. La "politica degli aquisti", che faceva seguito al famoso slogan del presidente James Monroe ("L’America agli americani"), iniziò quasi due secoli fa e vide la corsa verso l’Ovest da parte delle originarie ex-colonie dell’Est. Gli Usa furono "uniti" dalla sottrazione ai nativi di grandi spazi che vennero progressivamente inglobati e accostati l’uno all’altro. L’occupazione dei coloni (i cowboys dei film western con cui Hollywood ci abituò a conoscere la storia Usa) fece passare il Paese dalle 13 province iniziali fino ai 50 Stati attuali, che furono acquistati con veri e propri contratti di carattere privatistico, o conquistati militarmente quando non si trovò l’accordo tra venditore e acquirente: operazioni che non possono non venire considerate, oggi come oggi, di una certa brutalità. La California era messicana e fu strappata ai suoi abitanti naturali facendone, dopo una guerra di conquista (1848-49), in una delle stelle che compongono la bandiera americana.
Non è difficile rendersi conto quanto diversa sarebbe stata la storia messicana se la California avesse continuato a far parte del Messico e quanto probabilmente ciò avrebbe nociuto ai progetti di espansione statunitensi. Ma la terra appartiene a chi la abita o a chi se la compera? Stia tranquilla la signora Frederiksen: per fortuna non si troverebbe più alcun notaio disposto a stilare un atto di vendita del genere.
25-08-2019 01:00

La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bandiere
dell’India
in fiamme
nel Kashmir

Il fuoco
dell’Amazzonia
incendia
le piazze

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00