Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit è legata
al concetto di sovranità
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

DIARIO di Giuseppe Zois
Lo sport di glissare
non salva l'ambiente
Giuseppe Zois


Caro Diario,
finalmente il mondo si sta accorgendo che la Casa comune brucia e non ce n’è una di riserva. Dopo tsunami di parole, ci voleva una ragazzina svedese di 16 anni, Greta, a incendiare le piazze del pianeta, prima che le fiamme vere nell’estate e oltre devastassero aree sconfinate, dall’Amazzonia alla Siberia. L’emergenza epocale per il peggioramento del clima e dell’ambiente ha dato la sveglia alle nazioni, ma in troppi continuano a dormire il sonno degli irresponsabili. Dopo molte iperboli con qualche promessa, rimbalzate dal vertice Onu a New York, ora in Vaticano si tiene il Sinodo panamazzonico.
APERTURA di nuovi cammini è il traguardo che si impongono tutti. Con la sua concretezza, Papa Francesco ha indicato 4 dimensioni per l’Amazzonia, fatta assurgere a simbolo di una mobilitazione che non può concludersi con il solito cerotto quando ci vuole un traumatologo. Si va dalla dimensione culturale a quella sociale, dall’ecologica alla pastorale, onnicomprensiva.
NON HA USATO perifrasi Papa Francesco quando ha detto che ci avviciniamo da "estranei a colonizzazioni ideologiche che distruggono o riducono la specificità dei popoli". Manca il giusto approccio perché in troppi si ostinano a proporre programmi preconfezionati, nella perdurante presunzione di "disciplinare" i popoli amazzonici e di ogni territorio avvelenato dall’insopprimibile tentazione di "addomesticare" identità e storia dagli indios ticuna alla Groenlandia, trattata come fosse un pezzo da mercato. Siamo al "centralismo omogeneizzante e omogeneizzatore" che inquina l’autenticità fino a farla morire. Pensiamo solo a come slitta la neutralizzazione delle emissioni dalle 8 mila centrali a carbone (e Cina, India e Turchia coltivano tuttora ambizioni di espansione di tali centrali); pensiamo alla melina in materia di programmi per la sostenibilità socio-ambientale...
CI VUOLE LA SCIENZA per uscire da caverne di oscurantismo: anche con possibili errori e fallimenti, è l’unica via percorribile. Con molta lucidità una docente dell’Università Federale di Roraima, Maria de Oliveira, ha parlato di "amazzonizzare" il mondo nel senso di dimostrare che è possibile adottare altri stili di vita di fronte al predominante modello di sviluppo che deve essere cambiato. Non si tratta di opporre un modello di sviluppo a un altro, ma piuttosto - e correttamente - di considerare e promuovere altri "modi di vita". Il fattore economico, spesso teso solo a fare soldi, è solo uno delle molteplici dimensioni del vivere: pur importante, non è questo l’assoluto.
13-10-2019 01:00

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Forze turche
bombardano
per sbaglio
quelle Usa

Manifestanti
attaccano
la sede di Total
a Parigi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00