Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Il business d'oro
della sicurezza
L'INCHIESTA

Milioni per le Feste
più consumi e affari
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il "villaggio gallico"
e la piccola Cannes
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

STORIE di Andrea Bertagni
Immagini articolo
"Il nostro hip-hop
conquista il mondo"
Andrea Bertagni


Nadia e Dakota hanno stupito il mondo intero, danzando. Dalla Francia al Giappone, dall’America del Sud alla Norvegia, la performance di questa coppia vallesana ha superato tutti i confini. Merito della trasmissione televisiva transalpina "La France a un incroyable talent" durante la quale Nadia e Dakota - originaria del Portogallo lei, dell’Angola lui - si sono esibiti con una coreografia sul tema della violenza coniugale. Sulle note della celeberrima "Ne me quitte pas", una canzone che Jacques Brel ha scritto nel 1958, il giovane duo vallesano, 22 anni lei, 28 lui, entrambi di Martigny, ha lasciato a bocca aperta prima i giudici del programma, poi gli utenti del web. Che hanno continuato a guardare il balletto su Facebook. Tanto che il video è stato visto 40 milioni di volte ed è stato commentato da 250mila utenti del social network.
Un successo che ha sorpreso tutti. A cominciare da Dakota, che di nome fa Serge e di cognome Simao. "Mia madre è di origine congolese, è fuggita dalla guerra. Quando siamo arrivati in Svizzera avevo 3 anni e mia sorella solo alcuni mesi - racconta al Caffè -; non ho mai conosciuto mio padre, è morto di cancro quando avevo appena 5 anni". Una vita difficile, che sin da piccolo Dakota ha sempre affrontato di petto. Prima provando ad inserirsi nel mondo del basket, dove ha sgomitato tutta l’adolescenza. Con un solo obiettivo: diventare un giocatore professionista. "Ho sempre voluto e voglio ancora diventare famoso per dare alla mia famiglia un futuro dignitoso", spiega.
La celebrità non è però arrivata rincorrendo un pallone. È arrivata con la musica, un po’ per caso, dopo un gravissimo infortunio al ginocchio. Passo dopo passo. Imitando il suo idolo Michael Jackson. "All’inizio è stata dura, non ero a mio agio con il mio corpo", dice Dakota. Poi, è scoccata la scintilla. Inizia a partecipare a svariate competizioni e vince. In Svizzera e nel mondo. Così apre una scuola tutta sua. E lì conosce Nadia. "Beh, potrei dire che grazie a Michael Jackson oggi il nostro hip-hop ha conquistato il mondo"...
Anche il percorso di Nadia non è molto diverso da quello di Dakota. "Lei è arrivata in Svizzera a 8 anni e i suoi genitori si sono separati due anni dopo. Oggi però si sono ritrovati e stanno di nuovo assieme". Nadia è impiegata d’albergo. Dakota è disegnatore edile. Per loro la danza è quel qualcos’altro che dà un senso alla vita. "Entrambi ci sentiamo bene quando balliamo, siamo come in una bolla, ci trasformiamo". Pure per Nadia l’inizio non è stato facile. "Ballava più veloce della musica, perché diceva di essere stressata", ricorda lui, sorridendo. Giorno dopo giorno i movimenti si sono però affinati. Così come l’intesa tra i due. Che di fatto li ha trasformati in una coppia. Non nella vita reale però. "Io ho una compagna, lei è single, anche se credo che molto presto riceverà delle proposte", scherza Dakota.
Nel frattempo il duo partecipa al concorso World of Dance Switzerland e lo vince. La tappa seguente è a Los Angeles, negli Stati Uniti. Qui si laureano campioni mondiali di hip-hop, in barba agli americani che questo ballo lo hanno inventato e diffuso in tutto il mondo.
"Appena tornati a Martigny ci siamo iscritti al casting del canale televisivo francese Métropole 6", raccontano. Canale che li assume, rendendoli protagonisti di un clip promozionale. La chiamata dagli Usa da parte di "America’s Got Talent" arriva subito dopo. Oggi il duo è sul punto di firmare un altro importante contratto. "Per noi la danza ha un significato preciso. Ballare vuol dire raccontare qualcosa. Noi vogliamo che lo spettatore si domandi il motivo di un’espressione o di un movimento. In sostanza, la coreografia deve respirare con noi".
abertagni@caffe.ch
13-01-2019 01:00

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Francia,
nono sabato
di protesta
dei gilet gialli

USA:
lo shutdown
diventa
un record