Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Il business d'oro
della sicurezza
L'INCHIESTA

Milioni per le Feste
più consumi e affari
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il "villaggio gallico"
e la piccola Cannes
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

SCHERMI di Mariarosa Mancuso
Immagini articolo
I pirati nel cinema
diventano hacker
Mariarosa Mancuso


Hanno piratato i pirati dei Caraibi. Lo scorso maggio, quando l’ultimo capitolo della saga iniziata nel 2003 - titolo: "La vendetta di Salazar" - era pronto per uscire, la Disney ricevette una mail anonima. "Abbiamo il film, se non pagate il riscatto siamo pronti a metterlo su internet". La cifra chiesta non è nota, si sa solo che il pagamento si sarebbe dovuto fare in bitcoin, moneta elettronica cara agli idealisti e ai criminali (categorie che a volte si sovrappongono). Come sia finita non è chiaro, il boss della Disney Bob Iger ha dichiarato "non pagheremo mai". Dal momento che il film su internet è andato dopo l’uscita in sala - come capita a tutti i film ormai - se ne deduce che hanno preso i criminali, o trovato un accordo.
Particolarmente odiosa - si sarebbe detto, in caso di rapimento più canonico - la modalità del rilascio, a blocchi di venti minuti (ricorda il povero Paul Getty a cui fu mozzato l’orecchio). Non è la prima volta che succede. Gli hacker russi rubarono e misero in rete con un giorno d’anticipo l’ultima puntata della quarta stagione di "Sherlock" con Benedict Cumberbatch e Morgan Freeman. E’ stato chiesto un riscatto anche per la quinta stagione di "Orange is the New Black", la serie Netflix ambientata in un penitenziario femminile (arancione è il colore delle divise). Stesso silenzio stampa sull’esito della trattativa, che si immagina andata a buon fine. Per gli hacker, si intende. Gli episodi della serie sono stati messi in streaming sulla piattaforma secondo calendario.
Secondo calendario - e a meno di altre piraterie - andrà puntualmente in streaming su Netflix il prossimo 28 giugno "Okja" di Bong Joon-Ho, il regista coreano del bellissimo "Snowpiercer" (gli ambientalisti cercano di raffreddare la terra e la congelano, gli unici sopravvissuti sono a bordo di un treno rigidamente diviso in classi). Okja è un maialone geneticamente modificato, molto intelligente e affettuoso con la sua padroncina coreana. Ma la cattiva multinazionale - diretta con piglio militare da Tilda Swinton in Chanel - lo rivuole indietro per loschi scopi. Immaginate "La carica dei 101" con il maiale al posto dei cani dalmata. Favola per famiglie con grandiosi effetti speciali e un finale esageratamente animalista.
18-06-2017 01:00

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Francia,
nono sabato
di protesta
dei gilet gialli

USA:
lo shutdown
diventa
un record