Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia riprende
ma la paura rimane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il dialogo possibile
fra Corea e Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.08.2017
Aggiornati i dati sulla qualità igienica delle acque di balneazione rilevati dal Laboratorio cantonale [www.ti.ch/oasi]
27.07.2017
Avviso di prudenza del 27.07.2017 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2017 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
25.07.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato un nuovo dossier sulla caccia e pesca in Ticino
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
03.07.2017
Quinto/Cascina Rosserrora - coordinate 696/150 - Predazione 1 capra
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2017
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

Fulco Pratesi
Caccia
Fulco Pratesi
Chi è
Fondatore e presidente onorario di Wwf Italia, autore e illustratore di diversi libri, tra i quali 'Clandestini in città'
Che la caccia sia l'attività, o, se vogliamo, lo sport più antico del mondo nessuno può dubitare: già almeno quattro milioni di anni fa i nostri progenitori ominidi, scesi dagli alberi delle foreste dove vivevano mangiando frutta e germogli, battevano le savane a caccia di prede. E questa trasformazione nei loro comportamenti è stata l'inizio del lungo percorso col quale, dall'ominide Lucy (Australopithecus afariensis) - il cui scheletro risalente a 3.2 milioni di anni fa venne scoperto in Etiopia nel 1976 - si è arrivati agli astronauti lunari.
Fino a 10 mila anni fa, prima che la Rivoluzione neolitica aprisse all'uomo le tecniche dell'agricoltura e dell'allevamento, la dieta dell'uomo era basata sulla raccolta di prodotti spontanei radici, frutti, piante, lumache, testuggini, insetti e sulla caccia.
Ma pure divenuti agricoltori e allevatori, gli uomini hanno continuato a integrare l'alimentazione uccidendo mammiferi e uccelli selvatici. E ancor oggi la passione venatoria, controllata o meno, coinvolge una gran parte dell'umanità, portando spesso alla scomparsa molte specie animali.
Anche se, ad esempio, lo stambecco alpino, estinto in tutta Europa (l'ultimo della Svizzera fu ucciso nel Vallese ai primi dell'800) si è salvato grazie alla passione venatoria dei sovrani Savoia, che destinarono alcune delle loro riserve private di caccia alla creazione di Parchi Nazionali come quello del Gran Paradiso.
Oggi la caccia ha perso sia l'antica funzione di sopperire alle carenze alimentari delle popolazioni povere, sia quella di svago e addestramento alla guerra di quelle dominanti.
E sempre più, con l'aumento di una coscienza ecologica e animalista,viene sottoposta a dure critiche e con varie motivazioni. Accanto a quelle, puramente etiche e morali di chi contesta l'uccisione per divertimento, vi sono quelle ecologiste che vedono nel prelievo indiscriminato, senza controlli e limitazioni, una causa spesso determinante della progressiva estinzione di molte specie. È importante a questo proposito esaminare le differenze tra i modi di cacciare, ad esempio, in Italia e in Ticino. In questa regione, come in quasi tutta Europa (forse meno che in Francia) la caccia incontra pochi oppositori, se non nel campo etico e animalista. Il prelievo di capi in esubero delle varie specie cacciabili risponde a criteri di razionalità e ad esigenze di tutela degli ecosistemi: un'eccessiva densità di erbivori (cervi, caprioli, daini, cinghiali), ove verificata e documentata da effettivi danni al rinnovo della vegetazione naturale, va combattuta. E nei casi in cui la cattura e il trasferimento in altre aree risulti impossibile, l'abbattimento diviene inevitabile. Così, nei luoghi ove la presenza di carnivori (orso, lupo e lince) non riesce a limitare  la crescita eccessiva degli erbivori selvatici, (come avviene nelle aree protette ove vige l'equilibrio ecologico e la caccia è vietata) un prelievo contenuto e affidato a sportivi preparati con precise limitazioni di tempi e di capi, risulta un'attività economica compatibile e sostenibile, alla pari con l'allevamento e la macellazione del bestiame domestico. Può non essere gradito a chi ricorda le tristi scene dell'uccisione della mamma di Bambi, nel film omonimo, ma  risponde a criteri di razionalità anche ecologica.
Le differenze della caccia in Ticino con quella che in Italia è osteggiata da quasi il 90% della popolazione, consistono nel fatto che, ancor oggi, nella Penisola sia consentita la caccia a molti uccelli migratori anche piccoli (fringuelli, passeri, allodole, pispole, peppole e altri), che la densità di cacciatori, pur fortemente calata (negli anni '70 si contavano nel Paese  due milioni di doppiette) sia ancora eccessiva e rivolta in gran parte ai piccoli migratori, e che un articolo del Codice civile, varato nel 1942 per favorire la preparazione bellica degli italiani, allora in guerra, consenta (ai soli cacciatori) l'accesso ai terreni altrui senza il permesso dei proprietari o dei conduttori del fondo. Ed è, infine, soprattutto contestato il fatto che il periodo di caccia vada dai primi di settembre alla fine di gennaio in tutto il Paese.
La normativa venatoria in Ticino è assai diversa e più attenta alla razionalità e alla sostenibilità del patrimonio faunistico, basate su censimenti accurati. La cosiddetta "Caccia alta", che va solo dal 1° al 22 settembre, riguarda cervo, capriolo, camoscio, cinghiale, marmotta e volpe, con rigide limitazioni di numeri e luoghi.La "Caccia bassa" è consentita dal 16 ottobre al 30 novembre e consente il prelievo, oltre a diversi piccoli mammiferi (lepri, ecc.), di sole 14 specie di uccelli "terrestri"e di 5 specie di anatre selvatiche. Dunque tutto è ben regolamentato.
Inoltre, la carne di selvaggina in Svizzera gode di ampio gradimento ed è ben presente nei ristoranti e negli esercizi commerciali. In questa stagione nelle offerte dei supermercati è abituale trovare carne di capriolo e cervo (quest'ultimo proveniente anche dalla Nuova Zelanda, Paese in cui la sovrabbondanza di capi causa notevoli problemi), a dimostrazione dell'interesse economico per le cosiddette "carni alternative".
15-09-2013 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

G20:
corteo pacifico
contro
le violenze

Ankara-Istanbul:
opposizione
in marcia
per la giustizia

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch